Cultura
Dal 27 ottobre al 30 gennaio 2022

Mostre Milano: a Palazzo Reale “Corpus Domini. Dal corpo glorioso alle rovine dell'anima”

Centounidici le opere esposte, tra installazioni, sculture, disegni, dipinti, videoinstallazioni e fotografie, che raccontano la molteplicità della rappresentazione dell'essere umano.

Mostre Milano: a Palazzo Reale “Corpus Domini. Dal corpo glorioso alle rovine dell'anima”
Cultura Milano, 27 Ottobre 2021 ore 12:07

Dal 27 ottobre 2021 al 30 gennaio 2022 Palazzo Reale di Milano presenta la mostra “Corpus Domini. Dal corpo glorioso alle rovine dell'anima”, curata da Francesca Alfano Miglietti. La mostra è promossa e prodotta da Palazzo Reale, Comune di Milano - Cultura in collaborazione con Marsilio arte e con Tenderstories.

Mostre Milano, da oggi aperta la mostra "Corpus Domini. Dal corpo glorioso alle rovine dell'anima"

"Il Comune di Milano e Palazzo Reale hanno prodotto questo progetto di ricerca ed espositivo con la consapevolezza di offrire ai visitatori un'esperienza assolutamente originale, una mostra dal forte impatto visivo e dalle profonde suggestioni intellettuali, un percorso studiato per raccontare come è cambiato, nel corso degli ultimi cinquant'anni, il modo di rappresentare il corpo. Il progetto nasce da un'approfondita ricerca storico-artistica che trova la sua radice nel lavoro di Lea Vergine, scomparsa un anno fa, a cui è dedicata la prima sala del percorso espositivo – ha dichiarato l'assessore alla Cultura Tommaso Sacchi –. Francesca Alfano Miglietti ha curato l'esposizione senza perdere il filo del dialogo con Lea Vergine, coinvolgendo 34 artisti e sviluppando un racconto che dall'eredità della body art, dove il corpo era così presente da diventare tela parlante, arriva fino alla scomparsa della sua fisicità, lasciando spazio solo al movimento dell'anima".

La curatrice Francesca Alfano Miglietti

Centounidici le opere esposte, tra installazioni, sculture, disegni, dipinti, videoinstallazioni e fotografie, che raccontano la molteplicità della rappresentazione dell'essere umano.

Il titolo "Corpus Domini" si riferisce alla scomparsa del "corpo vero" a favore del "corpo dello spettacolo": da un Corpo Glorioso – il corpo della consapevolezza, della ribellione, dell'alterità – al Corpo del contemporaneo – da un lato nella sua declinazione di corpo della società dello spettacolo e dall'altro nelle sue forme più poetiche: il corpo dell'esodo, del lavoro, della moltitudine silenziosa.

Moltissimi gli artisti in prima persona, i musei, le fondazioni, gli archivi, le gallerie private e i collezionisti che hanno collaborato in Italia e all'estero alla ‘costruzione' di questa mostra, che per la prima volta ripensa al concetto di umanità dopo lo scioccante periodo provocato dal Covid19.

Esposte le opere di 34 artisti internazionali

Realizzate da 34 artisti riconosciuti a livello internazionale – alcuni dei quali vere icone del contemporaneo – le opere esposte raccontano le raffigurazioni del corpo adottate dagli anni Settanta a oggi, tra materia e spirito, tra presenza e assenza.

In circa mille metri quadrati di superficie si snoda un percorso espositivo che analizza l'insorgere nella contemporaneità di nuove forme di rappresentazione del corpo, ponendo l'attenzione sullo storico passaggio dal corpo vivo protagonista della Body art al corpo rifatto dell'Iperrealismo, sottolineando il mutamento dei canoni estetici della rappresentazione e la potente evocazione dell'individuo mediante i suoi resti, le sue tracce, i suoi rivestimenti. Un racconto che vuole riflettere sulla crisi dell'esperienza sensoriale provocata dall'avvento di una cultura che propone corpi perfetti, modificati, ripensati, prodotti e ri-prodotti ed essenzialmente finti.

"Il confine tra reale e immaginario è sempre meno riconoscibile, tanto da assorbire la realtà dentro uno schermo, come dimostra l'ossessiva presenza degli schermi nella nostra vita: schermi piatti delle televisioni e dei computer, dei videogiochi, degli smartphone" afferma la curatrice, che prosegue: “Lo schermo annulla la distanza tra lo spettatore e la scena, lo invita a immergersi dentro, gli offre una realtà a portata di mano, ma su cui la mano non ha alcuna presa”.

Gli artisti esposti

In mostra opere di AES+F, Janine Antoni, Yael Bartana, Zharko Basheski, Joseph Beuys, Christian Boltanski, Vlassis Caniaris, Chen Zhen, John DeAndrea, Gino de Dominicis, Carole A. Feuerman, Franko B, Robert Gober, Antony Gormley, Duane Hanson, Alfredo Jaar, Kimsooja, Joseph Kosuth, Charles LeDray, Robert Longo, Urs Lüthi, Ibrahim Mahama, Fabio Mauri, Oscar Muñoz, Gina Pane, Marc Quinn, Carol Rama, Michal Rovner, Andres Serrano, Chiharu Shiota, Marc Sijan, Dayanita Singh, Sun Yuan & Peng Yu, Gavin Turk.

Menzione speciale per Christian Boltanski, scomparso da poco, che sarà in mostra con l'opera Le terril Grand-Hornu (2015).

Una sezione per la scomparsa Lea Vergine

Una sezione è completamente dedicata a Lea Vergine, scomparsa un anno fa: una sorta di stanza "privata", realizzata in collaborazione con l'Archivio Lea Vergine, in cui saranno esposte opere, alcune delle quali hanno caratterizzato il suo percorso critico, e poi libri, documenti e fotografie che testimoniano la sua preziosa e singolare ricerca nel campo della Body art, che rimane un riferimento imprescindibile nella narrazione relativa al corpo.

Per l'occasione sarà pubblicato un catalogo illustrato, bilingue (italiano – inglese), Marsilio Editori, che contiene un saggio della curatrice e i contributi di Vincenzo Argentieri, Franco Berardi “Bifo”, Furio Colombo, Francesca Giacomelli, Gianfranco Ravasi, Massimo Recalcati, Chiara Spangaro, Gino Strada, Moreno Zani.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CLICCA QUI oppure visita IL SITO UFFICIALE DELLA MOSTRA