Cronaca
rissa nella notte

Urta per sbaglio un cliente in pizzeria, nasce maxi rissa e aggrediscono anche i carabinieri

I carabinieri sono intervenuti nella notte tra sabato e domenica in viale Pasubio, angolo piazza Baiamonti.

Urta per sbaglio un cliente in pizzeria, nasce maxi rissa e aggrediscono anche i carabinieri
Cronaca Milano Nord, 31 Maggio 2021 ore 12:11

Urta per sbaglio un cliente in pizzeria, nasce maxi rissa e aggrediscono anche i carabinieri.

Urta per sbaglio un cliente in pizzeria, nasce maxi rissa e aggrediscono anche i carabinieri

MILANO – I militari del Nucleo Radiomobile hanno denunciato per rissa, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, un polacco 31enne, un ecuadoriano di 36 anni, un egiziano di 43 anni, una italiana, anche lei di 43 anni, e un italiano di 17 anni.

Rissa nella notte tra sabato e domenica in viale Pasubio

I carabinieri sono intervenuti nella notte tra sabato e domenica in viale Pasubio, angolo piazza Baiamonti, dove alcuni cittadini, durante il passaggio perlustrativo di un equipaggio, hanno richiamato l'attenzione segnalando una lite in corso nei pressi di una vicina pizzeria.

La lite nata per un urto accidentale

Sul posto i militari hanno accertato che c’era effettivamente una accesa lite in corso tra cinque persone, nata perché poco prima delle 23 uno dei partecipanti alla lite, passando per la strada, aveva accidentalmente urtato un cliente della pizzeria seduto a un tavolo, causando una violenta reazione poi degenerata che non si è attenuata nemmeno alla presenza dei militari, di fronte ai quali i coinvolti hanno continuato a spintonarsi, ostacolando le procedure di identificazione e non collaborando.

Aggrediti e minacciati anche i carabinieri

Mentre i carabinieri erano intenti a sedare la lite, sono stati insultati e minacciati dai contendenti che hanno contestato il loro intervento e hanno tentato di colpirli con calci e pugni.

Il 43enne egiziano è finito al Fatebenefratelli in codice verde

L’egiziano ha poi riferito di essere dolorante a una spalla ed è stato trasportato in codice verde presso l'ospedale Fatebenefratelli, dove gli è stata diagnosticata una contusione e trauma alla spalla sinistra e dimesso con prognosi di 7 giorni.