Cronaca
Tutti giovani

Corteo No green pass a Milano: quattro manifestanti denunciati

Sono quattro i ragazzi che hanno rimediato una denuncia per manifestazione non preavvisata, interruzione di pubblico servizio e violenza privata.

Corteo No green pass a Milano: quattro manifestanti denunciati
Cronaca Milano, 01 Novembre 2021 ore 10:02

Sono 4 le persone denunciate in seguito alla manifestazione No Green Pass che si è svolta sabato 30 ottobre 2021 a Milano, per manifestazione non preavvisata, interruzione di pubblico servizio e violenza privata.

Manifestazione no Green pass a Milano: 4 denunciati

Le 4 persone denunciate sono un 22enne residente nella bergamasca (denunciato anche per resistenza a pubblico ufficiale), un 30enne residente a Lodi e un 28enne residente nel torinese (denunciati, invece, anche per istigazione a disobbedire alle leggi). Fra i 6 identificati durante il corteo, c'è un 19enne residente a Gessate (Milano), che verrà denunciato per manifestazione non preavvisata, interruzione di pubblico servizio, violenza privata e istigazione a disobbedire alle leggi.

A differenza degli altri cortei delle ultime 14 settimane, per quello di ieri era stato presentato dagli organizzatori un percorso definito che avrebbe dovuto condurre i partecipanti da piazza Fontana alla sede della Rai in corso Sempione. Qui, tuttavia, il corteo ha perso la testa di comando e ha iniziato a vagare per la città inseguita dalle forze dell'ordine che in più occasioni hanno sbarrato la strada al gruppo di contestatori. Numerose le anime all'interno della manifestazione. In testa sono stati avvistati Marco Mantovani (ex Forza Nuova), ma anche anarchici e antagonisti, sostenitori delle teorie complottiste di QAnon e rappresentanti di comunità religiose che considerano il Green Pass "uno strumento del demonio".

Non sono mancati nemmeno gli insulti al primo cittadino Beppe Sala: arrivati in piazza della Scala, chiusa da transenne e dalla presenza delle forze dell’ordine, i manifestanti hanno urlato verso Palazzo Marino, sede del Comune, insulti diretti al sindaco come: “Sala, Sala vaffanculo”.

Insulti anche sotto la Rai

Fra le varie tappe dell'insulto anche la sede meneghina della Rai: al grido di “Venduti, venduti”; “Giornalista terrorista” e “Assassini della verità” il corteo No green pass è arrivato in corso Sempione sotto la sede della Rai, conclusione del percorso concordato con la Questura, una parte dei manifestanti si è diretta verso l'Arco della Pace, dove è stata fermata, a distanza, dalle forze dell'ordine e si è poi diretta in corteo verso il centro passando da via Legnano.