Cronaca
la manifestazione

Via al 15esimo sabato di protesta No Green Pass: presidio in Duomo e corteo "concordato".

Qualche disordine a fine manifestazione a causa di una parte dei manifestanti che ha provato a deviare dal percorso.

Via al 15esimo sabato di protesta No Green Pass: presidio in Duomo e corteo "concordato".
Cronaca Milano, 30 Ottobre 2021 ore 16:13

Via al 15esimo sabato di protesta No Green Pass: presidio in Duomo e corteo "concordato".

Via al 15esimo sabato di protesta No Green Pass: presidio in Duomo e corteo "concordato"

MILANO - E' iniziato in piazza Duomo il presidio 'No paura day - Primum non nocere' contro il green pass. Oltre un migliaio le persone presenti. Tra gli slogan intonanti: “La gente come noi non molla mai”; “No green pass” e “Libertà, Libertà”.

Previsto in Duomo l'intervento del portuale Stefano Puzzer

Dietro allo stand dal quale, secondo quanto riferito ieri dagli organizzatori, dovrebbe intervenire l’ex portavoce dei portuali di Trieste Stefano Puzzer (che poi non ha preso parte alla protesta). Alcuni manifestanti tengono in mano uno striscione con scritto “Nessuna correlazione” con i volti delle persone che, secondo i no green pass, avrebbero perso la vita a causa della vaccino anti Covid.

Dalle 17 in piazza Fontana: il percorso del corteo concordato con la Questura

Per le 17.30 è previsto invece il quindicesimo corteo, per la prima volta concordato con la Questura, con partenza da piazza Fontana e diretto in corso Sempione sotto la sede Rai.

Il via sarà come di consueto da piazza Fontana, alle 17. Il corteo poi passerà in Duomo, via Manzoni, piazza della Repubblica, Porta Nuova, Porta Volta e da lì intorno al parco Sempione, vicino alla sede Rai (presidiata dalle Forze dell'Ordine).

3 foto Sfoglia la gallery

Il presidio "No paura day"

In piazza Duomo a partire dalle 15 ha preso il via il presidio 'No paura day - Primum non nocere' contro il green pass. Oltre un migliaio le persone presenti. Tra gli slogan intonanti: “La gente come noi non molla mai”; “No green pass” e “Libertà, Libertà”. Dietro allo stand dal quale, secondo quanto riferito ieri dagli organizzatori, sarebbe docuto intervenire l’ex portavoce dei portuali di Trieste Stefano Puzzer, alcuni manifestanti tenevano in mano uno striscione con scritto “Nessuna correlazione” con i volti delle persone che, secondo i no green pass, avrebbero perso la vita a causa della vaccino anti Covid.

Ore 17,30: parte il corteo da piazza Fontana

Altri manifestanti No green pass, invece, dopo essersi radunati in piazza Fontana sono partiti per la manifestazione preannunciata in Questura. In testa al corteo uno striscione con scritto “In media stat virus” e un Tricolore. La manifestazione, secondo il percorso concordato, si muoverà lungo l'asse Via Manzoni, Piazza della Repubblica, Bastioni di Porta Nuova; Bastioni di Porta Volta; Via Elvezia, Viale Byron, Corso Sempione sino a giungere la sede Rai. In piazza del Duomo ha già preso la parola il leader di "Primum non nocere" Gian Marco Capitani.

Il corteo no green pass giunto in piazza del Duomo è stato accolto con slogan e applausi dai manifestanti in presidio 'No paura day - Primum non nocere'. “Lamorgese, non sei all’altezza del Paese che rappresenti, solidarietà al vicequestore Schilirò” si legge su uno striscione. Le forze dell’ordine sul posto stanno monitorando la manifestazione.

Insulti al sindaco Sala

Arrivati in piazza della Scala, chiusa da transenne e dalla presenza delle forze dell’ordine, i manifestanti hanno urlato verso Palazzo Marino, sede del Comune, insulti diretti al sindaco come: “Sala, Sala vaffanculo”.

Sono arrivati a oltre 5 mila, secondo le forze dell'ordine, i partecipanti al corteo No green pass quando la manifestazione è arrivata all'altezza di via Monte Santo. Si sono uniti anche una decina di manifestanti No green pass con Daspo che gli vieta di partecipare a manifestazione all’interno della cerchia dei bastoni e hanno atteso all'esterno l'arrivo del corteo.

Il tentativo di deviazione del percorso e tafferugli con le Forze dell'Ordine

Una parte dei manifestanti si è poi staccata dal corteo No green pass, da via Monte Santo ha preso via Galilei, in direzione della Stazione Centrale e di Palazzo Lombardia, sede della giunta regionale, lasciando quindi il percorso concordato con la Questura. La zona attorno alla sede regionale è però chiusa dalle forze dell'ordine e i manifestanti che si sono ritrovati a transitare lungo via Melchiorre Gioia si stanno ricongiungendo al corteo principale.

La protesta davanti alla sede Rai

Al grido di “Venduti, venduti”; “Giornalista terrorista” e “Assassini della verità” il corteo No green pass è arrivato in corso Sempione sotto la sede della Rai, conclusione del percorso concordato con la Questura. Le forze dell’ordine presidiano la zona e impediscono una ipotetica ripartenza della manifestazione.

Dopo aver raggiunto corso Sempione, punto finale del percorso concordato con la Questura, una parte dei manifestanti si è diretta verso l'Arco della Pace, dove è stata fermata, a distanza, dalle forze dell'ordine e si è poi diretta in corteo verso il centro passando da via Legnano.

Corteo a Milano, 4 denunciati dalla Polizia

Quattro denunce da parte della Polizia per la manifestazione no green pass di ieri, sabato 31 ottobre, a Milano. La Polizia ha identificato sei persone e ne ha accompagnate tre in Questura. La manifestazione, fa sapere la polizia, "era stata preavvisata" ed "era stato presentato un definito percorso da seguire", ma "ha vissuto due episodi in cui i manifestanti hanno disatteso quanto dichiarato: la prima volta all’altezza di viale Monte Santo quando un robusto spezzone del corteo che si stava sviluppando lungo l'itinerario convenuto ha deviato per indirizzarsi verso via Galilei, generando, per l'ennesimo sabato, confusione e disagio al traffico".

9 foto Sfoglia la gallery