Cronaca
La sfida

Aggressione a Facchinetti, il pugile Scardina sfida McGregor: "Mi è caduto un mito"

"Noi pugili, noi sportivi siamo tenuti a dare l'esempio. E dobbiamo essere consapevoli che il nostro corpo è un'arma", lo sfogo del pugile di Rozzano.

Aggressione a Facchinetti, il pugile Scardina sfida McGregor: "Mi è caduto un mito"
Cronaca Milano Sud, 22 Ottobre 2021 ore 13:04

Aggressione a Facchinetti, il pugile Scardina sfida McGregor: "Mi è caduto un mito".

Aggressione a Facchinetti, il pugile Scardina sfida McGregor: "Mi è caduto un mito"

ROZZANO – Nel dibattito e nelle polemiche nate in seguito all’aggressione denunciata da Francesco Facchinetti, vittima di una violenza fisica subita dal pugile Conor McGregor, si inserisce l’atleta rozzanese Daniele Scardina che a Radio 105 ha espresso il suo pensiero sulla vicenda.

Il boxeur Scardina: "Mi è caduto un mito"

“Ho sperato che la storia fosse uno scherzo – ha detto il pugile –. Quanto successo è terribile, senza senso. Il nostro impegno da sportivi è anche quello di dare l’esempio, soprattutto di rispetto”. Il boxeur ha sottolineato come “il nostro corpo sia un arma, dobbiamo esserne consapevoli. Un campione come McGregor dovrebbe dare l’esempio, soprattutto per i tanti fan che lo seguono. Ora mi è caduto un mito”.

La sfida a McGregor

Come riporta Giornale dei Navigli, Scardina vuole “diventare campione del mondo, con rispetto e dando un esempio sano soprattutto ai giovani”. E lancia la sfida: “Chi si comporta in questo modo è spazzatura. Ora ho tanta voglia di sfidare McGregor”.

Facchinetti non ha nessuna intenzione di ritirare la denuncia

Intanto, la vicenda andrà avanti perché Facchinetti non ha nessuna intenzione di ritirare la denuncia, “neanche per 10 milioni di euro – ha espresso –. Un’aggressione immotivata non può passare nell’indifferenza, altrimenti potrebbe accadere di nuovo. È pericoloso”.