play street

Strade chiuse e bambini in strada per giocare: a Rogoredo i più piccoli si riprendono la città

Alla Piccola Goccia di via Ferrante Aporti 120, in zona Stazione Centrale - Martesana (Istituto comprensivo Ciresola) è stata realizzata una play street.

Strade chiuse e bambini in strada per giocare: a Rogoredo i più piccoli si riprendono la città
Scuola Milano, 09 Giugno 2021 ore 10:26

Alla Piccola Goccia di via Ferrante Aporti 120, in zona Stazione Centrale - Martesana (Istituto comprensivo Ciresola) è stata realizzata una play street.

A Rogoredo i più piccoli si riprendono la città

Quando pensi alle strade di Milano vengono in mente tante cose diverse: per primo, naturalmente, il folle traffico dei pendolari, dei lavoratori frenetici che vengono da tutta la Lombardia per passare qualche ora tra riunioni, ufficio, impegni, proprio nella nostra città. Lo stesso traffico che in agosto scompare, facendoti scoprire quanto effettivamente sono larghe le strade milaesi che vivi tutti i giorni, quelle che incredibilmente si possono percorrere anche in bici senza rischiare la vita ad ogni incrocio, che ti permettono anche di parcheggiare senza girare per 20 minuti prima di trovare un buco sul marciapiede. Le strade di Milano sono quelle che ti fanno scoprire gli scorci, quelle che mentre le attraversi vieni distratto dai murales, dall'arte di strada, dai giocolieri agli incroci, dai guidatori folli e dai riders che sbucano fuori all'improvviso.
Puoi pensare a tutto, quando immagini le strade di Milano, ma di certo non a bambini che ci giocano indisturbati in mezzo. E invece, per due giorni, nella metropoli meneghina è successo proprio questo.

Bambini in strada per giocare

Alla Piccola Goccia di via Ferrante Aporti 120, in zona Stazione Centrale - Martesana (Istituto comprensivo Ciresola) è stata realizzata una play street chiudendo per due giorni, gli ultimi dell’anno scolastico, la via antistante la scuola Sottocorno, a Rogoredo, per permettere alle bambine e ai bambini di giocare in strada.

Un progetto reso possibile dalla firma dei patti di collaborazione, avvenuta nella giornata di ieri martedì 8 giugno. Come spiegato sul sito del comune di Milano i patti sono l’apice di un percorso di coinvolgimento dei cittadini, singoli o riuniti in associazioni e di altre istituzioni, in questo caso le scuole, per la realizzazione di progetti e iniziative con finalità educative, sui quartieri della città.

"Lo strumento dei patti di collaborazione - ha dichiarato l’assessore Lipparini - è nato per rendere semplice e allo stesso tempo concreta la partecipazione dei cittadini a progetti di cura degli spazi pubblici proposti e realizzati dal basso, col beneficio dell’intera comunità. In questi mesi di pandemia i progetti non si sono fermati e abbiamo anzi accompagnato un numero crescente di patti. Possiamo dire con soddisfazione che ormai questo strumento è non solo conosciuto dai cittadini ma sempre più richiesto e utilizzato, a testimonianza del desiderio di questa città di essere parte della sua trasformazione in meglio, anche nei suoi spazi più piccoli ma estremamente importanti per chi li desidera vivere e usare".

"Con la firma di questo patto di collaborazione - dichiara l’assessora Laura Galimberti - si fa concreta la logica delle scuole aperte alla città. Una compenetrazione che deve funzionare anche al contrario: in questo caso, infatti, sarà il quartiere a offrire ai bambini e alle bambine dell’Istituto Ciresola uno spazio per implementare l’outdoor education, pratica fondamentale su cui vogliamo puntare molto, soprattutto in questo periodo complesso".

Patto Parchetto Piccola Goccia - Ic Ciresola

Nel parchetto saranno realizzate attività didattiche e di socialità, all’aria aperta, destinate agli alunni e alle alunne della scuola primaria Ciresola. Il parco, vera risorsa di tutto il quartiere, sarà collegato alla scuola da un percorso creativo e al resto del quartiere e sarà completamente accessibile, con cartelli multilingue.

Chi ha aderito al Patto di collaborazione

Hanno sottoscritto e aderito al Patto di collaborazione: Scuola Primaria IC Ciresola (via Venini) Associazione Fas, Associazione Reteambiente Circolo Legambiente, Associazioni Genitori ETS.

Il parchetto “Piccola Goccia” è stato realizzato con il sostegno di Fondazione Cariplo tramite Associazione Labsus - Laboratorio per la Sussidiarietà e da Italia Nostra Onlus - Centro di Forestazione Urbana.

Strade chiuse e bambini in strada per giocare

La strada chiusa in occasione della fine della scuola è stata una prima sperimentazione, conclusa con successo e grande entusiasmo da parte dei bambini che per la prima volta si sono riappropriati di spazi che ormai da anni non appartengono loro: le strade.

Hanno sottoscritto il Patto di collaborazione: Istituto comprensivo “Pasquale Sottocorno”, Associazione verdeFestival, Associazione È-Vento, Associazione Vivi Rogoredo, Associazione Primavera 2005, Associazione "Un libro in movimento".

Sul sito del comune si legge poi che la realizzazione del murales è stata possibile grazie al supporto della Fondazione Pasquinelli che ha donato le risorse necessarie alla Associazione “Un libro in movimento” e di Cities4CSR. La Play Street, nata dal Patto di Collaborazione, è stata possibile in virtù di un accordo tra il Comune di Milano e Arup Spa.

Play Street, tornare bambini e divertirsi post Covid

Dopo l'intenso anno vissuto a causa della pandemia ai bambini servivano spazi, libertà, autonomia e indipendenza. L'idea di Play Street, di riconsegnare loro le strade di Milano, è nata da una proposta per facilitare la ripresa post Covid ripensando agli spazi urbani volendoli rimodularli sul valore del gioco, della crescita e dell'apprendimento dei più piccoli.

Hanno reso possibile il progetto la Direzione Progetto Città Resilienti e la Direzione Servizi Scolastici educativi, la direzione Mobilità e Amat (Agenzia milanese per l’Ambiente e per il Territorio).

Guarda la gallery delle foto pubblicate sul sito:

12 foto Sfoglia la gallery

Giordana Liliana Monti