Politica
Viabilità

Telecamere area C spente in zona rossa? Granelli: "Non ci sono automatismi, valutiamo i dati"

Non sono mancate le polemiche a seguito delle dichiarazioni dell'assessore comunale ai Trasporti Marco Granelli.

Politica Milano, 12 Marzo 2021 ore 09:04

Interpellato sulla questione spegnimento Area C con la possibile introduzione della zona rossa in Lombardia, l'assessore ai Trasporti del Comune di Milano, Marco Granelli, è stato chiaro: "Non ci sono automatismi, sono tutte cose che valutiamo in base ai dati".

LE DICHIARAZIONI:

(L'assessore ai Trasporti del Comune di Milano, Marco Granelli).

Zona rossa e telecamere area C

Tiene ancora banco la questione relativa alla Ztl dell'area C di Milano. Con la possibile reintroduzione della zona rossa in Lombardia, l'assessore comunale ai Trasporti, Marco Granelli, si è espresso chiaramente sullo spegnimento delle telecamere, sottolineando come non ci siano automatismi tra una cosa e l'altra:

"Non ci sono automatismi. Sono tutte cose che valutiamo in base ai dati. Dipende dalle decisioni. Non c’è nessun automatismo, bisogna vedere i dati e bisogna correlare questi dati con quelli del Tpl. La politica di differenziazione degli orari ci sta aiutando".

Telecamere che, a partire dallo scorso mercoledì 24 febbraio 2021, erano state riaccese ai varchi della cerchia con un orario ridotto dalle 10 alle 19,30. Una scelta questa adottata sia per limitare il traffico dei veicoli, a causa dell’alto numero di auto in entrata e dei valori del Pm10, ma anche per evitare il sovraccarico delle linee di trasporto pubblico.

Le polemiche non sono mancate

A seguito delle dichiarazioni rilasciate dall'assessore ai Trasporti del Comune di Milano, non sono mancate le pronte reazioni di chi si ritiene contrario al fatto che le telecamere dell'area C restino accese con la zona rossa. Gianluca Comazzi, consigliere comunale e capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, è stato il primo a replicare, annunciando che si preparerà per presentare una mozione per chiedere lo spegnimento di tutte le ztl nelle aree che saranno classificate zona rossa:

"L’assessore Granelli ha ormai perso ogni remora: neppure di fronte ai dati sui contagi e all’eventualità di una zona rossa sarebbe disposto a disattivare Area C. Evidentemente gli interessi di cassa del Comune e l’ambientalismo di maniera con cui la giunta cerca legittimazione di fronte ai suoi elettori contano più della sicurezza dei milanesi. Queste dichiarazioni fanno capire che se quest’autunno Forza Italia non si fosse imposta la giunta Sala avrebbe continuato a tassare gli automobilisti nonostante il Covid. E’ inaccettabile accanirsi in questo modo sui cittadini, che chiedono solo di poter raggiungere il luogo di lavoro in sicurezza, evitando di affollare i mezzi pubblici. Nei prossimi giorni presenterò una mozione in Consiglio regionale per chiedere lo spegnimento di tutte le ztl nelle aree che saranno classificate zona rossa".

Anche il consigliere di Fratelli d'Italia e assessore regionale Riccardo De Corato si è scagliato con forza contro le affermazioni dell'assessore comunale Granelli, evidenziando come, anche con l'introduzione della zona rossa, il Comune di Milano continui la sua battaglia contro le auto spingendo i lavoratori ad ammassarsi sui mezzi pubblici:

"L’assessore alla Mobilità Marco Granelli si è dimostrato un vampiro: nemmeno con zona rossa e lockdown ha intenzione di smettere di tassare gli automobilisti con Area C. E poi è davvero vergognosa la risposta dell’assessore riguardo ai parcheggi di via Saint Bon, dove ha sede il Centro Diagnostico Italiano. Mentre il centrodestra con il Piano Parcheggi aveva realizzato 60mila posti auto, il centrosinistra, come al solito, pensa solo a realizzare piste ciclabili e non alle conseguenze ed ai disagi che il restringimento delle carreggiate e la riduzione dei parcheggi potranno avere anche per importanti strutture come questa. Il Comune di Milano, nonostante la pandemia, continua la sua battaglia contro le auto spingendo i milanesi ed i lavoratori ad ammassarsi sui mezzi del trasporto pubblico o, altrimenti, a dover pagare per entrare in Area C con la macchina. Cosa dovrebbe valutare Granelli con la Prefettura e il Politecnico? Con la zona rossa il traffico e la circolazione diminuirebbero, rendendo questa misura ancora più inutile. Facciano come già hanno fatto in occasione dello scorso lockdown senza dover essere sollecitati: spengano le telecamere senza andare avanti ad infierire su quelle persone che nonostante la zona rossa dovranno continuare a spostarsi principalmente per lavoro".