Glocal news
una domenica di tensione

Paura nel Milanese: medico spara per strada poi si barrica in casa per ore

Matteo Banderali, 42 anni, ha tenuto in scacco per un giorno la frazione Mazzo di Rho.

Paura nel Milanese: medico spara per strada poi si barrica in casa per ore
Glocal news 28 Febbraio 2022 ore 09:18

Ha sparato alcuni colpi di pistola, dopodiché si è barricato in casa e ci sono volute ben otto ore per convincerlo a uscire. Quella di domenica 27 febbraio 2022 è stata una giornata di grande tensione nella frazione Mazzo di Rho, dove il 42enne Matteo Banderali ha tenuto di fatto in scacco tutta la zona.

Spara colpi di pistola e si barrica in casa

Come racconta Prima Milano Ovest, l'uomo, il medico Matteo Banderali, aveva ricevuto una visita del padre al mattino. Attorno a mezzogiorno il genitore (anche lui medico molto conosciuto nella zona) aveva allertato il 118 temendo che il figlio potesse avere assunto una forte dose di farmaci e sospettando un'intossicazione.

All'arrivo dell'ambulanza e delle Forze dell'ordine, però, Banderali - che nell'appartamento è solo - non reagisce bene e spara alcuni colpi di pistola (regolarmente detenuta) nell'appartamento.

Le trattative lunghe ore

Sul posto vengono a quel punto inviati altri equipaggi delle Forze dell'ordine e anche un negoziatore. Vengono anche contattati i familiari per cercare di capire cosa possa aver scatenato la reazione del medico. Alcuni parenti cercano di parlarci, ma invano. Intanto, verso le 14.30 si sentono altri spari.  Poi, alle 17.30, un altro colpo.

Vengono intanto attivate le forze speciali, i Gis dei Carabinieri di Livorno, e il blitz in casa sembra imminente dato che l'uomo non risponde a nessuno e si teme il peggio.

La svolta

La svolta nelle trattative arriva alle 19, quando un'amica di Banderali dice di aver appena ricevuto una chiamata (muta) dall'uomo. Passano pochi minuti e anche il padre riesce a stabilire un contatto. A quel punto i Carabinieri optano per una linea attendista, e alla fine il negoziatore riesce a parlare con il 42enne, che poi si rivolge ancora al padre.

Verso le 20 la conclusione: Banderali apre la porta chiedendo una bottiglietta d'acqua al papà e si consegna ai militari. E' stato portato in ospedale per accertamenti. Non ha riportato ferite, ma era in evidente stato confusionale.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter