"Super woman Alda Merini"

Murales di Superdonne a Milano: ecco dove poterli vedere

Il passaggio de "Lediesis" per le vie della metropoli milanese.

Murales di Superdonne a Milano: ecco dove poterli vedere
Cultura Milano, 24 Marzo 2021 ore 12:42

Una grande "S" stampata sul petto come simbolo di forza e coraggio. Nel corso dell'ultimo anno, anche la città di Milano è stata teatro delle opere artistiche de "Lediesis", due misteriose street artist che hanno tappezzato i più importanti centri urbani italiani con raffigurazioni di Superdonne. Murales che, con il loro forte impatto visivo e posizionati in luoghi della vita di tutti i giorni, non possono lasciare indifferenti i passanti.

"SuperWoman Alda Merini" sul Naviglio Grande

Il passaggio de "Lediesis" nella metropoli milanese era avvenuto nel periodo della "Milano Fashion Week 2020", pochi giorni prima che l'Italia intera piombasse nella pandemia da Covid-19. Tanti i segni della loro comparsata, molti raffigurati lungo le sponde del Naviglio Grande di Milano.

Una "Super Barbie con la mascherina", un icona dell'infanzia, intenta, come chiunque altro, a fare la spesa mentre trasporta un sacchetto con la scritta "Vado a Wuhan" (un po' ad ironizzare sul poco peso che la gente dava a quanto accadeva in Cina prima che il Covid arrivasse in Italia).

Una "Super Maga Magò", pubblicata sul loro profilo Instagram come "Un po' di magia come cura per la paura!" sempre riferendosi alla situazione di emergenza sanitaria, che riportava la frase:

"Vi ricordate quando nella mano si stringeva un'altra mano? Forse un giorno tornerà di moda: come gli occhiali vintage, come gli anni '80".

Ed infine, molto probabilmente, l'immagine più rappresentativa affissa sui muri della Darsena: "Superwoman Alda Merini", la storica poetessa milanese raffigurata seminuda con una giacca appoggiata sulle spalle e la grande "S" stampata in mezzo al petto. Uno sguardo ammiccante e provocatorio quasi a lanciarti una sfida. "Lediesis", in occasione della festa delle Donne avevano commentato così la loro opera:

"La semplicità è mettersi nudi davanti agli altri. E noi abbiamo tanta difficoltà ad essere veri con gli altri. Abbiamo timore di essere fraintesi, di apparire fragili, di finire alla mercè di chi ci sta di fronte. Non ci esponiamo mai. Perché ci manca la forza di essere uomini, quella che ci fa accettare i nostri limiti, che ce li fa comprendere, dandogli senso e trasformandoli in energia, in forza appunto".

2 foto Sfoglia la gallery

Da Milano a Roma, fino a Bari

Non solo Milano, ma anche Venezia, Firenze, Roma e Bari. Le opere de "Lediesis" sono passate da tutte queste grandi città italiane per trasmettere il loro messaggio. In musica, il Diesis è l'alterazione di una nota e, alla stessa maniera, l'azione di queste misteriose street artists vuole portare un'evoluzione dei luoghi comuni, un modo per dare una scossa al retaggio socio-culturale del passato. Una grande "S" che fa capire che in ogni donna c'é un segno di forza e coraggio, proprio come una supereroina. Lo dicono "Lediesis", ma indirettamente lo dicono anche le donne che hanno lottato per mostrarsi in tutta la loro grandezza.

"LEDIESIS" IN ITALIA:

8 foto Sfoglia la gallery

Alessandro Balconi