Cronaca
Quartiere Adriano

Tentano una rapina all'Esselunga, sventata da una guardia giurata che non era in servizio

Episodio avvenuto nella serata di ieri, giovedì 8 aprile 2021, nel supermercato di via Adriano 81.

Tentano una rapina all'Esselunga, sventata da una guardia giurata che non era in servizio
Cronaca Milano, 09 Aprile 2021 ore 12:07

Si trovava in zona quasi per caso la guardia giurata Giuseppe Urso al momento del furto. Non era in servizio e stava per incontrare un amico quando, all'interno dell'Esselunga del quartiere Adriano di Milano, si è accorto che una coppia di etnia rom stava per compiere una rapina, scappando dal supermercato senza pagare la merce nei sacchetti. Subito è intervenuto bloccando i due rapinatori.

IL LUOGO DEL TENTATO FURTO:

Furto sventato all'Esselunga di via Adriano

A raccontare le dinamiche del furto è Giovanni Cafaro, candidato sindaco di Milano (Lista civica indipendente Movimentiamoci Insieme) e residente nel quartiere Adriano. Il fatto si è verificato nel corso della serata di ieri, giovedì 8 aprile 2021, all'Esselunga di via Adriano 81. Protagonista della rapina sventata è la guardia giurata Giuseppe Urso dell’istituto di vigilanza Civis di Milano.

Poco prima che si compisse il furto, il vigilante, in quel momento fuori servizio, si trovava nei pressi del supermercato per incontrare un amico. Subito, tuttavia, aveva notata un uomo e una donna di etnia rom che continuava ad aggirarsi in modo sospetto con due grosse borse tra gli scaffali. La coppia, dopo aver stazionato per diversi minuti nella zona informatica, aveva approfittato della distrazione di un cliente, passando dalle casse automatiche senza pagare.

L'intervento della guardia giurata

A quel punto la guardia giurata Giuseppe Urso, che nel frattempo aveva avvisato in Vicedirettore del supermercato, sprezzante del pericolo ha iniziato ad inseguire all’esterno i due furfanti, riuscendo a bloccare la donna, mentre l’uomo proseguiva nella fuga in direzione dei parcheggi esterni.

TI POTREBBE INTERESSARE: Vaccini ai fragili in Lombardia: prenotazioni partite, ma mancano i form per i medici di base, molti cronici e caregiver slittano

Una volta aperta una delle due borse che la donna si portava con sé, si è scoperto che al suo interno vi erano decine di cartucce per stampanti per un valore accertato in seguito di circa 987 euro. La refurtiva è stata restituita al Vicedirettore dell’Esselunga. Sono in corso accertamenti per individuare il complice riuscito miracolosamente a scappare.

 

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter