Cronaca
catcalling

Quando a molestare una ragazza sono i militari che dovrebbero proteggerla

E' successo a Milano, zona San Siro, a marzo 2021: ora i due uomini rischiano il processo.

Quando a molestare una ragazza sono i militari che dovrebbero proteggerla
Cronaca Milano, 08 Luglio 2021 ore 12:52

Quello del "catcalling" e delle molestie verbali sarà un trend attuale, sarà di moda, esagerato, criticato o  condiviso, sarà pure portato agli estremi alle volte e utilizzato come scusa per una facciata o una bandiera. Sarà che poi si banalizza, che ci sono diverse sensibilità e che a volte una ragazza è così abituata a sentirsi fischiare da un furgone che passa che quasi (quasi!) non si indigna neppure più: sarà pure tutto, ma il fatto è che sommando i singoli fattori e mettendo l'ultimo fatto di cronaca che vede una ragazza molestata verbalmente da due militari fuori servizio come ciliegina sulla torta, il quadro che viene a crearsi non è né esagerato, né inventato, né idilliaco.

E questo prescinde dalle diverse sensibilità e dalle bandiere sventolate per gioco.

Molestata per un intero pomeriggio da due uomini

Siamo a Milano, in via Morgantini, zona San Siro, è marzo 2021 (non 1950): una ragazza di 20 anni scende sotto casa col cane al guinzaglio, passa accanto al bar dove ci sono due uomini che consumano fuori, la guardano e iniziano a fare apprezzamenti volgari che per lei che li sente del complimento non hanno nulla e sanno solo di insulti beceri e gratuiti. La ragazza si mette a camminare più veloce e si allontana, per poi tornare a casa. Nello stesso pomeriggio esce di nuovo per incontrare un'amica e anche questa volta passando vicino al bar i commenti le piovono addosso come grandine e la colpiscono nello stesso modo, lasciandole addosso un senso di impotenza per quelle parole sboccate pronunciate da due sconosciuti che si azzardano a rivolgersi in modo spinto e irrispettoso nei suoi confronti.

La decisione di raccontare alla famiglia

Non è la prima volta, perché che piaccia o meno per una ragazza non è mai la prima volta e non è mai un'eccezione sentirsi gli occhi addosso e i commenti pronunciati a labbra più o meno serrate quando si passa. Questa volta però basta: la giovane decide di raccontare quanto appena successo al padre e al fratello che si apprestano a scendere e raggiungere i due uomini al bar chiedendo loro di smetterla. Una richiesta che però porta con sé quel senso di stanchezza ed impotenza, spinto dalla necessità di metterci sopra un punto: una richiesta che quindi non si ferma e porta i due uomini a presentare una denuncia formale in commissariato.

Basta. 

Si tratta di due militari spostati

E così, dopo la denuncia, si scopre che quei due uomini dalla bocca larga e dal poco rispetto, di 30 e 35 anni, sono due militari in libera uscita.

In questi giorni hanno ricevuto un avviso di chiusura delle indagini a loro carico per molestie e minacce: ora rischiano un processo dove dovranno difendersi dall'accusa di catcalling, per aver tormentato, commentato e insultato una giovane ragazza sola facendola sentire a disagio e impotente senza alcuna ragione.

Hanno chiesto di essere sentiti in Procura per dare la propria versione dei fatti e in quella sede dovranno probabilmente spiegare cosa ci facessero a marzo 2021, in piena pandemia e zona rossa, davanti a un bar a consumare il proprio ordine.

Nel frattempo pare che i due militari, che per mestiere si dovrebbero occupare di proteggere giovani come quella che verbalmente hanno aggredito, siano stati trasferiti in via cautelare in altra sede.

Giordana Liliana Monti

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter