In piazza Duomo

Passeggiare sul tetto delle volanti della Polizia sta diventando una moda...

Era successo a Biella durante la finale degli Europei, ma in quel caso era entrato in azione un giovane rugbysta... per una stupida scommessa.

Cronaca Milano, 19 Luglio 2021 ore 12:12

Dopo, il Piemonte, piazza Duomo. Sembra sia diventata una moda, quella di passeggiare sul tetto delle volanti della Polizia.

IL FILMATO:

In piedi sull'auto della Polizia davanti al Duomo

Nel video pubblicato su Instagram da MilanoBellaDaDio si vede una donna in piedi su un'auto della Polizia nel cuore di Milano, proprio davanti al Duomo.

La donna sembra non stare bene, in lei c'è qualcosa che non va: lo si capisce dalle movenze lente e alle volte scattanti, dai piedi scalzi, dalla felpa indossata a luglio in una afosissima giornata in città, dai capelli sporchi appiccicati sul viso.

Sale in piedi sull'auto della Polizia, si toglie lentamente la felpa che lascia cadere sul cofano della vettura e poi scende. Dalle immagini si vede che un agente le si avvicina, forse le chiede di seguirlo, ordine che lei esegue solo per pochi istanti con passo ballerino ma quando lui scompare nella tromba delle scale che portano alla metropolitana lei fa dietro front e si dilegua neanche troppo velocemente nella direzione opposta.

Era già successo a Biella la sera della finale

Le immagini della donna sull'auto della Polizia fanno subito scattare in mente quelle circolate sul web che mostrano un ragazzo del Biellese durante la notte dei festeggiamenti per la vittoria dell’Italia agli Europei, quando si è messo a passeggiare su una volante della polizia mentre gli agenti erano impegnati a soccorrere una ragazza che, per colpa della calca, era stata spintonata cadendo a terra perdendo conoscenza dopo aver picchiato la testa contro il marciapiede. Il ragazzo, G.L., classe 2001, dopo essere stato bloccato e portato in caserma è stato alla fine denunciato per vilipendio al corpo della Polizia.

Il giovane ha commesso l’incredibile e irrispettoso gesto per una scommessa con gli amici, che gli avevano offerto dei soldi se fosse saltato sulla volante e l’avesse attraversata per intero passando su cofano e tettuccio.

"Ma durante i mondiali lo avete arrestato..."

Ed è proprio a queste immagini che qualcuno, guardando il video della donna sull'auto della Polizia in Duomo, si riferisce commentando:

"Però quando l'ha fatto quello alla festa della Italia lo avete caricato subito in macchina e portato via come fosse un criminale...".

Situazioni e soggetti in realtà completamente differenti. Da un lato, a Milano, la comprensione di un disagio ben più profondo di quello che appare da un video di una manciata di secondi... Dall'altro, a Biella, la necessità di bloccare immediatamente un comportamento irrispettoso e potenzialmente pericoloso compiuto per semplice beffa e noia.