nuovi provvedimenti

Metro vietata per 14 persone e altri 21 banditi da Milano: emessi daspo e Fogli di via

Il Questore di Milano Giuseppe Petronzi ha emesso 35 nuovi provvedimenti di prevenzione.

Metro vietata per 14 persone e altri 21 banditi da Milano: emessi daspo e Fogli di via
Cronaca Milano Est, 04 Agosto 2021 ore 10:26

Metro vietata per 14 persone e altri 21 banditi da Milano: emessi daspo e Fogli di via.

Metro vietata per 14 persone e altri 21 banditi da Milano: emessi daspo e Fogli di via

MILANO - Ieri mattina, martedì 3 agosto, il Questore di Milano Giuseppe Petronzi ha emesso 35 nuovi provvedimenti di prevenzione: 21 Fogli di Via Obbligatori (con divieto di ritorno nel comune di Milano per un periodo compreso tra uno e tre anni)
e 14 Daspo Urbani (5 dall'area della stazione ferroviaria di Milano Rogoredo e dall'omonimo boschetto, 9 dalla rete metropolitana) che si aggiungono alle 100 misure di prevenzione già emesse da inizio 2021 nei confronti di persone che frequentavano quell'area.

Frutto dell'attività di Polizia di Stato e Polfer

Queste nuove misure di prevenzione sono il frutto di mirati servizi svolti su quel territorio dalla Polizia di Stato con gli agenti del Commissariato Mecenate, della Polfer di Milano Rogoredo, della sezione Polmetro dell'Ufficio Prevenzione Generale e dai poliziotti della Divisione Anticrimine che, intervenendo direttamente sul territorio unitamente agli agenti degli Uffici territorialmente competenti, svolgono attività di specifica competenza volte all'emissione delle Misure di Prevenzione.

Già 700 i provvedimenti presi da inizio anno

Da gennaio 2021 il Questore di Milano, grazie alla formazione di tale task force, ha emesso oltre 700 misure di prevenzione (Avvisi Orali, Fogli di Via Obbligatori, Divieto di accesso alle aree urbane e ai locali pubblici e Divieti di accesso alle strutture sportive) volte al mantenimento dell'ordine, sicurezza e tranquillità pubblica, oltre che a ristabilire il decoro urbano.

La zona calda è sempre quella del "Boschetto di Rogoredo"

I provvedimenti di ieri sono mirati non solo a vietare l'accesso all'area del "Boschetto di Rogoredo" ma, anche, a inibire a soggetti socialmente pericolosi l'accesso a mezzi di trasporto che consentono di raggiungere tale area, vietando a 9 soggetti, di età compresa i 20 e i 44 anni (di cui 6 donne e 3 uomini), per lo più consumatori e spacciatori di sostanze stupefacenti, l'accesso ad alcune linee metropolitane.

Per due donne sorprese a compiere borseggi a bordo di linee urbane, il divieto di accesso è stato esteso all'intera rete metropolitana di Milano, provvedimento che non registra precedenti.