Cronaca
dati inail

In Lombardia infortuni sul lavoro aumentati del 59%: 35 morti nel 2021

Nella nostra regione le denunce di infortunio sul lavoro sono state 38.154, in aumento del 59,6% rispetto i primi tre mesi del 2021. 

In Lombardia infortuni sul lavoro aumentati del 59%: 35 morti nel 2021
Cronaca Milano, 28 Aprile 2022 ore 15:41

In tutta Italia sono aumentati nell'ultimo anno gli infortuni sul lavoro, in Lombardia sono state 38.154, in aumento del 59,6% rispetto i primi tre mesi del 2021.

I dati di Inail

Dati che indignano e allarmano quelli pubblicati oggi dall’Inail, nella Giornata mondiale per la Salute e la Sicurezza sul lavoro. Secondo i dati rilevati al 31marzo, a livello nazionale le denunce di infortunio sul lavoro presentate nei primi tre mesi dell’anno sono state 194.106, in aumento del 50,9% rispetto alle 128.671 del primo trimestre del 2021, 189 delle quali con esito mortale, con un incremento rispetto a marzo 2021 sia dei casi avvenuti in occasione di lavoro, passati dai 115.286 del 2021 ai 176.545 del 2022 (+53,1%), sia di quelli in itinere con un aumento del 31,2%, da 13.385 a 17.561 In aumento anche  le patologie di origine professionale denunciate, che sono state 14.517 (+6,9%).

In Lombardia aumentano del 59% le denunce di infortunio

In Lombardia le denunce di infortunio sul lavoro sono state 38.154, in aumento del 59,6% rispetto i primi tre mesi del 2021, delle quali 35 con esito mortale (+ 29,6%), in aumento significativo nella gestione Industria e servizi, e 770 le denunce di malattia professionale.

“ Questi dati – evidenzia Eloisa Dacquino, Segretaria UIL Milano e Lombardia – confermano purtroppo quanto denunciamo da tempo: siamo in presenza di una vera  e propria guerra civile che si sta consumando sulla pelle di lavoratrici e lavoratori che bisogna con ogni mezzo fermare. La recrudescenza del dato infortunistico, segnatamente nella nostra regione, testimonia che le azioni di prevenzione  e gestione dei rischi finora adottate sono assolutamente insufficienti e inadeguate. Le Istituzioni, le associazioni datoriali e gli Enti preposti alla vigilanza  che in questa settimana siedono ai diversi tavoli dedicati al tema della sicurezza sul lavoro,  diano un segnale concreto a tutela della vita e della salute delle persone, abbandonando un approccio burocratico: abbiamo necessità di investimenti e impegno concreto, corale e condiviso su formazione, prevenzione e controlli, che tuteli la vita delle persone e renda il lavoro un luogo sicuro”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter