Cronaca
OLTRAGGIO

Il vandalo della Scala dei turchi aveva già fatto un attentato in metro a Milano vent'anni fa

Nel 2002, l'imbianchino agrigentino convertito all'Islam era entrato in azione sull'onda degli attentati alle Torri Gemelle.

Il vandalo della Scala dei turchi aveva già fatto un attentato in metro a Milano vent'anni fa
Cronaca Milano, 12 Gennaio 2022 ore 16:21

L'oltraggio alla Scala dei Turchi, la parete rocciosa che si erge a picco sul mare lungo la costa di Realmonte, in provincia di Agrigento. Sono stati già identificati i vandali che avevano imbrattato la scogliera con polvere Rossa pochi giorni fa: uno dei due era già stato condannato per un attentato alla metropolitana di Milano.

Il vandalo della Scala dei turchi identificato


Hanno agito di notte fra venerdì e sabato. Sono stati anche immortalati dalla videosorveglianza: in un video si vedono il furgoncino fermo e uno di loro che si incammina verso l'obiettivo da deturpare, la Scala dei Turchi, deturpata con polvere di ossido di ferro.

Anche grazie a questo video i carabinieri di Agrigento sono riusciti a individuare i responsabili dell'atto vandalico in nemmeno 48 ore: sono due cittadini di Favara, uno dei due è Domenico Quaranta, imbianchino di 49 anni, pluripregiudicato e convertito all’Islam.

Nel novembre 2020, aveva attaccato anche un'altra scogliera, quella di Punta Bianca, sempre ad Agrigento.

Aveva già fatto un attentato in metro a Milano vent'anni fa

Quaranta era stato l’autore dell'attentato alla metro di Milano la sera del 11 maggio del 2002: una bombola del gas che esplode alla stazione Duomo.

Sull'onda degli attentati alle Torri Gemelle, un attentato di matrice islamica:

"Combattiamo per la causa di Allah e non ci fermeremo finché non vi sarete sottomessi ad adorare un solo Dio. Dio è grande", c’era scritto in un messaggio lasciato accanto alla bombola esplosa, che aveva lasciato due poliziotti intossicati.

Condannato a 16 anni e da poco tornato in libertà, a febbraio era stata chiesta per lui la sorveglianza speciale, purtroppo respinta dai giudici di Palermo.

Sui social continua a postare video di offese alle Forze dell'ordine.

Ciò che è stato fatto alla marna bianca della scogliera fortunatamente non ha lasciato segni permanenti: la Scala dei Turchi è tornata subito alla sua bellezza originaria grazie all’impegno di alcuni volontari.