Cronaca
durante un match degli Allievi provinciali

Giocatore 16enne chiamato "negretto" dal mister della squadra avversaria. L'immediata solidarietà dei compagni che abbandonano la partita

L'insulto, di chiaro stampo razzista, al giovane di colore è stato pronunciato dall’allenatore avversario (poi espulso).

Giocatore 16enne chiamato "negretto" dal mister della squadra avversaria. L'immediata solidarietà dei compagni che abbandonano la partita
Cronaca Milano Nord, 17 Ottobre 2022 ore 17:18

Il brutto episodio durante il match degli allievi provinciali tra il Gallarate e la Cas Sacconago. L'immediata solidarietà dei suoi compagni. che hanno abbandonato la partita.

Dopo l'offesa la squadra lascia la partita per solidarietà al compagno

BUSTO ARSIZIO – Hanno reagito compatti, contro il razzismo in campo. I giovani giocatori del Cas Sacconago, quartiere di Busto Arsizio, provincia di Varese, impegnati nello scontro sul campo a undici con il Gallarate domenica, hanno lasciato il terreno di gioco sospendendo così la partita, in solidarietà del compagno 16enne chiamato “negretto” dal mister avversario.

Il mister del Gallarate è stato poi espulso

Come raccontano i colleghi del Giornale dei Navigli, il Gallarate stava vincendo 3 a 1 quando, come raccontano i dirigenti della squadra di Busto, dalle panchine l’allenatore avrebbe insultato il ragazzo. Il giovane ha reagito all’offesa e ne è nata una accesa discussione, al termine della quale il mister del Gallarate è stato espulso.

Il tecnico del Cas Sacconago: "Speriamo la Federazione prenda provvedimenti"

“A quel punto la partita è passata in secondo piano – ha spiegato Massimo Di Cello, tecnico del Cas –. Tutta la nostra squadra, per solidarizzare col nostro ragazzo, ha deciso di uscire dal campo. Abbiamo voluto dare un segnale perché reputiamo molto brutto ciò che è successo. Speriamo che la Federazione prenda provvedimenti”.

Il presidente del Gallarate: "Chi ha sbagliato pagherà"

Il presidente del Gallarate assicura: “Se qualcuno ha sbagliato pagherà, ma questo verrà stabilito solo dal referto dell’arbitro e dai comunicati federali. Per noi conta questo, il resto lascia il tempo che trova”. La squadra di Busto esige delle scuse da parte del mister nei confronti del ragazzo. “Non ci interessa la vittoria a tavolino, anzi, se ci assegnassero i tre punti preferiremmo non accettarli”.

Seguici sui nostri canali