Cronaca
Giallo

Era tornata a vivere a Milano Maria Cristina Janssen, la psicologa trovata morta nel lago a Lecco

In rete aveva scritto di essere stata costretta a lasciare la Toscana

Era tornata a vivere a Milano Maria Cristina Janssen, la psicologa trovata morta nel lago a Lecco
Milano Pubblicazione:

Era originaria di Milano e proprio a Milano era tornata ad abitare, dopo un lungo periodo trascorso in Toscana a Campiglia Marittima, in provincia di Livorno. Maria Cristina Janssen, la psicologa trovata morta nel lago ieri, lunedì 6 febbraio 2023 a Lecco, nello specchio d'acqua a lato del camping di Rivabella, all'interno di una Fiat Panda Bianca.

Abitava a Milano la psicologa trovata morta nel lago a Lecco

Una morte la sua che, al momento resta avvolta nel  mistero.  Ma proprio  il ritorno a Milano potrebbe essere un punto chiave in questa vicenda. In rete aveva la psicologa di 67 anni aveva  scritto: "Maria Cristina Janssen, nata a Milano mi trasferisco a Campiglia Marittima nel 2006, che sono costretta lasciare a fine 2022".

I Carabinieri di Lecco, che stanno cercando di gettare una luce sul giallo della sua morte (il procuratore capo Ezio Domenico Basso ha confermato che al momento non viene scartata alcuna ipotesi), stanno cercando di capire in che condizioni fosse la donna che sembra si stesse separando.

 

Lecco: auto nel lago con un cadavere di donna all'interno

Nessuno aveva  segnalato alle forze dell'ordine il suo allontanamento da casa: non  risultano  infatti denunce di scomparsa. La donna era  madre di due figli Giulia e Federico Lars, e negli ultimi anni aveva  scoperto la passione per la scrittura e aveva pubblicato due libri di narrativa.

 

I ricordi

Una morte la sua, che ha lasciato sconvolte e attonite le tante persone con le quali, negli anni, aveva condiviso impegni professionali e civici. Toccante il ricordo della Rete solidale e antirazzista Piombino:

Buon viaggio Cristina.
La morte di Maria Cristina Janssen ci sgomenta profondamente.
E’ stata un’amica preziosa, una protagonista insostituibile nell’attività sociale e politica della Rete Solidale e antirazzista.
Intelligente, empatica, colta, capace di spendersi in prima persona nella solidarietà verso i migranti, le donne, gli ultimi.
Nell’accoglienza dei profughi afghani e ucraini ha coltivato rapporti umani che andavano oltre la gestione quotidiana delle attività, consapevole di avere di fronte persone con cui stringere rapporti di amicizia e scambio culturale alla pari.
Maria Cristina era anche una scrittrice appassionata sui temi del riscatto femminile
e della solidarietà di classe espressa dai movimenti operai nei momenti più difficili degli scioperi del secolo scorso, con l’accento sulle storie dei piccoli accolti, grazie ai “treni dei bambini” , in famiglie che li potessero sostentare durante le serrate degli stabilimenti e le lotte dei braccianti nelle campagne del sud.
Una persona piena di vita e di tante storie.. Ed è così che la vogliamo ricordare.

 

 

Seguici sui nostri canali