Cronaca
ladro di 53 anni

Col motorino (rubato) svaligia un'auto, furto da 50mila euro

Aveva commesso almeno due forti a distanza di pochi giorni l'uno dall'altro: la Polizia lo ha arrestato in casa sua, passando dalla finestra.

Col motorino (rubato) svaligia un'auto, furto da 50mila euro
Cronaca Milano, 11 Maggio 2022 ore 14:35

Aveva commesso almeno due forti a distanza di pochi giorni l'uno dall'altro: venerdì 6 maggio 2022 a Milano, la Polizia di Stato, ha eseguito un'ordinanza della custodia cautelare in carcere emessa nei confronti di un cittadino italiano di 53 anni, gravemente indiziato del reato di furto aggravato in riferimento a due furti commessi nel mese di luglio 2021.

In manette 53enne ritenuto responsabile di furto

L'uomo, a luglio 2021, aveva rubato un motociclo regolarmente parcheggiato in strada, al quale, successivamente, aveva applicato un interruttore per bypassare il tasto di accensione. Dopo qualche giorno, utilizzando il motorino rubato, l'uomo aveva consumato un furto a bordo di un'auto parcheggiata in via Vincenzo Monti, asportando preziosi ed effetti personali per un valore di circa 50 mila euro.

Nel corso dell'attività investigativa, i poliziotti dalla 7^ Sezione Investigativa dell'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Milano, hanno analizzato le immagini dei sistemi di videosorveglianza riuscendo ad individuare il 53enne a bordo dello scooter in occasione del primo furto, rilevandone la targa, e accertando, subito dopo, come lo stesso fosse stato rubato qualche giorno prima in zona Porta Genova. La targa è stata, quindi, inserita nei database dei portali di transito sul territorio del comune di Milano per verificarne i passaggi e individuare un'area ove concentrare l'attività investigativa: i servizi di appostamento hanno dato esito positivo e, a distanza di qualche giorno, è stato individuato il responsabile che è stato denunciato in stato di libertà.

Un vero esperto di furti attrezzato

Nel corso della perquisizione personale e domiciliare, gli agenti hanno rinvenuto grimaldelli e altri strumenti di effrazione con cui il reo aveva perpetrato i furti del motociclo e sull'auto: i poliziotti non hanno trovato i preziosi rubati ma solo alcuni capi di abbigliamento. In particolare, è stato accertato che uno degli anelli sottratti era stato promesso in regalo alla compagna dal reo, al momento assente da Milano e ignara della provenienza furtiva dell'oggetto.

In considerazione di ciò, i poliziotti dell'Ufficio Prevenzione Generale hanno richiesto un'idonea misura restrittiva, considerata la pericolosità sociale del soggetto che annovera numerosi precedenti per reati contro il patrimonio e in materia di stupefacenti, che è stata eseguita venerdì scorso in mattinata.

La Polizia è entrata dalla finestra

I poliziotti, dopo aver bussato ripetutamente alla porta di casa, non ricevendo risposta alcuna, grazie all'ausilio dei Vigili del Fuoco, utilizzando una scala italiana, hanno fatto accesso all'appartamento, al secondo piano dello stabile, attraverso la porta finestra. L'uomo, vistosi braccato, è uscito rapidamente dalla porta d'ingresso dell'abitazione salendo verso i piani superiori per cercare di eludere il controllo ma ha trovato ad attenderlo gli agenti che si erano precedentemente appostati sia ai piani superiori che a quelli inferiori.

A seguito di accertamenti, al 53enne i poliziotti hanno anche notificato il provvedimento dell'Avviso Orale emesso dal Questore di Milano il 23 agosto del 2021.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter