Cronaca
a processo

Caso Genovese, l'imprenditore per la prima volta in aula: richiesto il rito abbreviato

  Attualmente l'ex mago delle start up si trova in una comunità terapeutica per disintossicarsi dalla dipendenza da cocaina. 

Caso Genovese, l'imprenditore per la prima volta in aula: richiesto il rito abbreviato
Cronaca Milano, 05 Aprile 2022 ore 17:14

Si è presentato per la prima volta in aula nel Tribunale di Milano questa mattina Alberto Genovese, l'imprenditore milanese accusato di aver violentato due donne prima stordite da un mix stupefacenti e poi abusate. 

In aula Alberto Genovese, chiesto il rito abbreviato

Tramite i propri legali l'imprenditore milanese Alberto Genovese ha chiesto di procedere con il rito abbreviato nel processo che lo vede imputato per violenza sessuale. Attualmente l'ex mago delle start up si trova in una comunità terapeutica per disintossicarsi dalla dipendenza da cocaina.

Il rito abbreviato richiesto oggi, se accolto dal giudice, comporta uno sconto di un terzo della pena in caso di condanna e lo svolgimento delle udienze a porte chiuse.  Nei prossimi giorni i legali di Genovese depositeranno la documentazione relativa allo stato psichico e tossicologico dell'imprenditori richiedendo che vengano acquisite a processo.

I legali delle due vittime che accusano l'imprenditore avranno fino al 1 giugno 2022 per presentare le proprie osservazioni in merito.

Le presunte vittime di Genovese

Le vittime sarebbero una ragazza di 18 anni, violentata il 10 ottobre 2021 nell'attico di lusso di Genovese a Milano, e una 23enne abusata il 10 luglio dello scorso anno ad Ibiza: in questo caso anche l'ex fidanzata dell'imprenditore avrebbe contribuito alla violenza, motivo per cui la donna è ora indagata per concorso nel presunto abusi.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter