Cronaca
Casarile

Botte alla figlia della compagna di soli 9 mesi nel sud Milano: le condizioni della bambina

Il 28enne ha ammesso i fatti: "non me lo so proprio spiegare, mi sono improvvisamente disconnesso dal mio cervello".

Botte alla figlia della compagna di soli 9 mesi nel sud Milano: le condizioni della bambina
Cronaca Milano Sud, 03 Ottobre 2022 ore 10:34

L'uomo, che ha massacrato di botte la figlia della compagna di soli 9 mesi, si trova ora in stato di fermo in carcere a Pavia per tentato omicidio aggravato.

Botte alla figlia della compagna

CASARILE - Nella mattinata del 2 ottobre 2022, il Nucleo Operativo Radiomobile del Comando Provinciale Carabinieri di Pavia, ha fermato un uomo di 28 anni con l’accusa di tentato omicidio aggravato ai danni di una bambina di 9 mesi, figlia della sua compagna. L’uomo è stato accompagnato in caserma a Pavia e, nella mattinata odierna, è stato interrogato dal Sostituto Procuratore di turno, alla presenza del difensore d’ufficio.

Ammette i fatti

Durante l’interrogatorio, il fermato ha ammesso il fatto ripetendo che «non me lo so proprio spiegare, mi sono improvvisamente disconnesso dal mio cervello, non ragionavo, non ero io», e nel tentativo di difendersi diceva di aver colpito, esclusivamente, con degli «schiaffi» e mai «in altro modo». Il sopralluogo presso l’abitazione di Casarile, effettuato dai Carabinieri della Stazione di Binasco, ha permesso di trovare ulteriori riscontri.

Ha approfittato di essere solo in casa con la bimba

Secondo quanto ad oggi è emerso dalle indagini, l’uomo, nel pomeriggio di ieri, sabato 1 ottobre 2022, mentre si trovava da solo con la piccola nella casa di Casarile, dove conviveva con la compagna e la figlia di lei, ha colpito e strattonato più volte la bambina.

Quel pomeriggio, la mamma della bambina, preoccupata per il fatto che non riusciva a contattare il compagno al telefono, ha chiesto alla madre di andare a controllare presso l’abitazione: una volta in casa, la nonna della bambina si è recata nella cameretta dove ha trovato la neonata e ha notato che aveva alcune ecchimosi sul volto e sul torace. La nonna ha quindi contattato immediatamente il 118.

La situazione della bambina che è in coma farmacologico

Le successive verifiche presso il San Matteo di Pavia, dove la neonata è stata portata, hanno permesso di accertare la gravità delle lesioni, che consistono allo stato in frattura del cranio, emorragia celebrale, frattura dell’omero e del radio, con prognosi riservata. Vista la gravità della situazione, la bambina è stata successivamente trasferita al Papa Giovanni XXIII di Bergamo dove attualmente si trova in coma farmacologico.

In carcere a Pavia

Il fermato è stato messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria nella casa circondariale di Pavia e la Procura nelle prossime ore chiederà al Giudice per le Indagini Preliminari la convalida del fermo. Il procedimento penale sta proseguendo al fine di chiarire la dinamica del fatto e di trarre definitiva conferma degli addebiti allo stato mossi nei confronti dell’indagato.

Seguici sui nostri canali