operazione gdf

Bisca clandestina nel quartiere Chinatown: sequestrati 11mila euro in contanti e 7 denunciati

I finanzieri sono stati insospettiti dalla presenza di illuminazione interna in un ristorante cinese da tempo chiuso al pubblico.

Bisca clandestina nel quartiere Chinatown: sequestrati 11mila euro in contanti e 7 denunciati
Cronaca Milano Nord, 01 Luglio 2021 ore 10:51

Bisca clandestina nel quartiere Chinatown: sequestrati 11mila euro in contanti e 7 denunciati.

Bisca clandestina nel quartiere Chinatown: sequestrati 11mila euro in contanti e 7 denunciati

MILANO – I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Milano, nella mattinata di lunedì, hanno scoperto una bisca clandestina in zona Chinatown dove erano intenti a giocare a poker diversi cittadini cinesi.

L'operazione della GdF i in un ristorante cinese chiuso al pubblico

Nell’ambito del controllo economico del territorio, i Baschi Verdi del Gruppo Pronto Impiego di Milano sono stati insospettiti dalla presenza di illuminazione interna in un ristorante cinese da tempo chiuso al pubblico.

Diversi cittadini cinesi erano intenti a giocare a poker

Entrando nel locale, i finanzieri hanno sentito un vociare concitato proveniente dal piano superiore e salendo a controllare hanno trovato la bisca clandestina con sette cinesi intenti a giocare un’accesa partita di poker. Sul tavolo da gioco era presente una cospicua somma di denaro in contanti e numerose fiches.

Bisca clandestina Chinatown

In altre stanze i finanzieri hanno poi trovato un secondo tavolo da poker, un tavolo utilizzato per il gioco cinese mahjong, altre fiches e diversi mazzi di carte ancora sigillati. La presenza delle specifiche attrezzature ha fatto ritenere che l’attività di gioco d’azzardo fra cittadini cinesi venisse svolta già da tempo presso il locale pubblico.

Sequestrati più di 11mila euro in contanti

I finanzieri hanno sequestrato i locali adibiti a bisca clandestina e più di 11mila euro in contanti. I sette responsabili, tutti uomini fra i 20 e 30 anni, sono stati denunciati per il reato di “partecipazione in luogo aperto al pubblico a gioco d’azzardo”.