Cronaca
follia a milano

Appiccicava foto porno sulle auto sotto casa e le usava come bersagli per sparare dal balcone

Nel suo appartamento sono state sequestrate quattro armi: sembra che, prima di sparare dalla finestra, si travestisse da militare o da donna.

Appiccicava foto porno sulle auto sotto casa e le usava come bersagli per sparare dal balcone
Cronaca Milano, 13 Aprile 2022 ore 14:50

Una serie di ripetuti gesti insensati, senza alcun apparente motivo, che hanno però terrorizzato passanti e vicini di casa per diverse settimane. Numerosi gli episodi che hanno visto un ex avvocato di 51 anni sparare in strada con armi ad aria compressa dal suo appartamento, in un palazzo tra via Friuli e via Muratori.

 Sparava dal palazzo in strada

C'è voluto del tempo ma alla fine la squadra investigativa del commissariato Monforte-Vittoria di Milano, diretta da Manfredi Fava, è riuscita a risalire all'autore di spari e danneggiamenti da giorni denunciati dai passanti e residenti della zona.

In base alla ricostruzione di quanto successo L.B., ex avvocato di 51 anni che per diversi anni ha lavorato in uno studio legale in centro a Milano nel settore tributarista e giuslavorista, nelle ore serali posizionava immagini pornografiche sulle automobili parcheggiate nelle zone limitrofe al suo palazzo che, nelle ore successive, utilizzava come bersagli sparando con armi ad aria compressa direttamente dalle finestre di casa, danneggiando e colpendo le auto altrui. A volte i bersagli erano persino le finestre vicine, altre qualche passante.

L'incrocio tra via Friuli e via Muratori

In casa trovate armi e immagini utilizzate come bersagli

Avendo ricostruito le traiettorie dei proiettili esplosi gli inquirenti sono riusciti a individuare l'appartamento dal quale venivano sparati, al quinto piano di un palazzo in via Muratori, dove abita L.B.

Una volta fatto un sopralluogo e un'ispezione nell'appartamento nei giorni scorsi la Polizia ha trovato e sequestrato quattro fucili e quattro pistole ad aria compressa con carica a pallini di piombo e ferro (quindi molto pericolosi per passanti e residenti). Inoltre sono stati messi sotto sequestro anche diversi abiti militari e da donna che, secondo gli inquirenti, il 51enne indossava prima di sparare dal suo appartamento. Tra le altre cose sono stati trovati anche diversi sex toys con scatole e immagini pornografiche (raffiguranti sia donne che uomini) con buchi di pallini, probabilmente le stesse che poi appendeva alle auto in strada e che erano state consegnate da alcuni denuncianti.

Segnalazione al servizio psichiatrico

Nei confronti del 51enne è scattata una segnalazione al centro psicosociale della zona al fine di ottenere una valutazione psichiatrica dell'uomo che sembrerebbe già essere seguito da uno psicanalista per disagi legati alla sfera sessuale. L'avvocato avrebbe confessato agli Agenti di essere un appassionato di softair e, a volte, di esercitarsi anche in casa.

L'uomo è stato denunciato per danneggiamento e tentate lesioni.

 

Seguici sui nostri canali