Cronaca
LE INDAGINI

Anziano ucciso in casa, colpito con una motosega. Arrestato il presunto killer

Si cerca un 35enne romeno che ha lasciato alcuni fogli in cui spiegava i contatti con l’anziano.

Anziano ucciso in casa, colpito con una motosega. Arrestato il presunto killer
Cronaca Milano, 07 Dicembre 2021 ore 13:36

AGGIORNAMENTO: I Carabinieri milanesi hanno tratto in arresto il presunto omicida dell'82enne ucciso nella serata di ieri: si tratta di un uomo di 35 anni di origine rumene, in Italia da tempo, magazziniere in una farmacia cittadina. Il 35enne è sposato e padre di due figli e verrà interrogato in queste ore dal pm incaricato del caso, anche per comprendere il movente del delitto. 

Anziano ucciso in casa, colpito con una motosega. Caccia al killer

Anziano ucciso in casa, colpito con una motosega. Caccia al killer

MILANO – Conosceva la vittima.

La dinamica

Non si è trattato di una rapina finita male, come si era ipotizzato nei primi minuti dopo il ritrovamento del cadavere di Pierantonio Secondi, 82enne trovato in una pozza di sangue ieri sera, all’interno del suo appartamento al settimo piano di via Giulio Romano. È stato colpito con più fendenti con due coltelli da cucina e probabilmente il killer ha utilizzato anche la motosega per ferirlo. Lo strumento gli era servito pochi minuti prima per aprirsi il varco nella porta d’ingresso dell’appartamento, poi si è accanito sul pensionato colpendolo ripetutamente e lasciandolo steso sul pavimento privo di vita.

I sospetti

Poi, l’assassino è uscito di casa ed è scappato. Si conoscevano: il 35enne romeno ha lasciato in portineria un trolley, un telefono e  alcuni fogli, email in cui spiegava i contatti con l’anziano. I carabinieri del Nucleo Investigativo di Milano si sono messi subito sulle tracce dell’uomo, cercando di ricostruire ogni dettaglio della tragedia. Dalle prime informazioni, pare che il killer avesse un ordine di divieto di avvicinamento nei confronti del pensionato. L’82enne, infatti, lo aveva ripetutamente denunciato per stalking e atti persecutori.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter