Cronaca
in carcere

Agli arresti domiciliari si fa spedire per posta le metamfetamine

In manette ci è finito un uomo di 26 anni, già agli arresti domiciliari per una rapina con cacciavite in una farmacia.

Agli arresti domiciliari si fa spedire per posta le metamfetamine
Cronaca Milano, 23 Maggio 2022 ore 07:27

La Polizia di Stato, in collaborazione con l'Agenzia delle Accise Dogane e Monopoli, ha arrestato un cittadino italiano di 26 anni per la detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Intercettato un pacco pieno di metamfetamine

Martedì 18 maggio 2022 i funzionari dell'Ufficio ADM di Milano 3 presso l'Aeroporto di Linate coordinato dall'Ufficio Investigazioni della Direzione Antifrode ADM hanno intercettato un pacco contenente circa 260 grammi di metamfetamine. Da accertamenti effettuati subito dopo il ritrovamento, il pacco doveva essere recapitato a un cittadino italiano, risultato non esistente, presso un negozio di Pieve Emanuele (MI) risultato estraneo ai fatti.

La Squadra Mobile di Milano, interessata per il prosieguo dell'attività, aiutata dall'Autorità Giudiziaria, ha operato una consegna controllata del plico, giunto in negozio mentre gli agenti della Sezione Antidroga erano appostati all'interno, in attesa del destinatario.

L'ingegnoso mezzo per ritirare il pacco

Poco dopo è giunta una mail nella quale il destinatario informava l'esercizio commerciale che sarebbe passato un corriere a ritirare il plico e, dopo alcuni minuti, il corriere, risultato anch'egli estraneo alla vicenda, è giunto per prendere in consegna il paco e recapitarlo presso uno stabile di via Veniero, in zona Sempione. Dal palazzo è sceso il 26enne che, dopo avere preso in consegna il pacco, è stato fermato dai poliziotti e arrestato.

Il cittadino italiano, pregiudicato in particolare per reati contro il patrimonio, si trovava in regime di arresti domiciliari dopo essere stato arrestato proprio dalla Squadra Mobile nel novembre del 2020 per la rapina compiuta, armato di cacciavite, ai danni di una farmacia in zona Mecenate.

Per lui si sono nuovamente aperte le porte del carcere di San Vittore dove è stato condotto a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter