PARTENZA ALLEGGERITA

70mila euro in contanti nascosti nella pasta: sequestro a Malpensa

La passeggera stava per decollare da Malpensa per Istanbul, con destinazione finale Lagos (Nigeria).

70mila euro in contanti nascosti nella pasta: sequestro a Malpensa
Cronaca Milano, 04 Febbraio 2021 ore 15:28

70mila euro in contanti nascosti nella pasta: sequestro a Malpensa.

70mila euro in contanti nascosti nella pasta: sequestro a Malpensa

I funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e i finanzieri del Gruppo della Guardia di Finanza dell’aeroporto di Malpensa hanno sequestrato 70mila euro nascosti nei pacchi di pasta.

Da Prima Saronno

I pacchi erano diretti ad Instanbul con destinazione finale Lagos

Il ritrovamento, nei bagagli da stiva di una passeggera di nazionalità nigeriana residente nel torinese in partenza per Istanbul, con destinazione finale Lagos (Nigeria). Al momento del normale controllo la passeggera, alla domanda di rito se trasportasse al seguito denaro, titoli o valori mobiliari, ha dichiarato di avere con sé una cifra inferiore a quella consentita dalla vigente normativa (10mila euro).

70mila euro nella pasta sequestro Malpensa

La falsa dichiarazione

Non convinti della veridicità dell’affermazione, il controllo veniva esteso sui bagagli da stiva già imbarcati, all’interno dei quali venivano rinvenuti oltre 60mila euro nascosti in svariati pacchi di pasta, abilmente chiusi ed atti a dissimulare una apparente e normale confezione.

La passeggera ha dichiarato che erano soldi dei suoi amici

La passeggera, non sapendo come giustificare tali somme, ha dichiarato che erano soldi di alcuni suoi amici, non fornendo nessun ulteriore dettaglio. Al termine delle operazioni si è proceduto nei suoi confronti con il sequestro amministrativo del 50% dell’eccedenza della valuta trasportata e non dichiarata pari complessivamente a 30.120 euro, come previsto dal D.lgs 195/08.

Era già successo

Un metodo non nuovo ai finanzieri in servizio a Malpensa, che già lo avevano scoperto lo scorso novembre quando tra fusilli e farfalle avevano rinvenuto 32mila euro diretti verso Istabul e Addis Abeba.