Attualità
innovazione scientifica

Vaccino anti infarto in arrivo? Al Monzino di Milano ci si prova 

Lo studio coinvolgerà complessivamente oltre 10mila pazienti in tutto il mondo: a Milano sono stati arruolati i primi tre volontari.

Vaccino anti infarto in arrivo? Al Monzino di Milano ci si prova 
Attualità Milano, 10 Marzo 2022 ore 17:49

E' ufficiale: al Monzino di Milano parte la sperimentazione per il vaccino anti infarto, con tre pazienti già arruolati pronti ad assumere il farmaco "Inclisiran" e partecipare allo "studio multicentrico internazionale Victorion-2p".

Pillola anti infarto in arrivo?

Lo studio coinvolgerà complessivamente oltre 10mila pazienti in tutto il mondo e in Italia, in aggiunta al polo milanese, parteciperanno alla sperimentazione altri cinque centri. I poli scientifici mondiali interessati al reclutamento sono complessivamente 806.

In base a quanto spiegato Piergiuseppe Agostoni, direttore del Dipartimento di cardiologia critica e riabilitativa del  Centro Cardiologico Monzino di Milano e professore di Malattie cardiovascolari dell'Università Statale di Milano e principal investigator al Monzino dello studio Victorion-2, l'obiettivo è quello di dimostrare che il nuovo farmaco di Novartis è in grado di ridurre il rischio eventi cardiovascolari gravi, come infarto e ictus, dimezzando i livelli di colesterolo cattivo Ldl-c. È noto nella comunità scientifica come l’Ldl-c giochi un ruolo chiave nello sviluppo e la progressione delle malattie cardiovascolari e aterosclerotiche ed è dimostrato che, abbassandone i livelli nel sangue, si ottiene una riduzione della loro incidenza e della mortalità. Un effetto che secondo il professore è ancora più importante nei soggetti più a rischio, come chi ha già sperimentato nella sua storia un evento cardiovascolare. Sono proprio questi i pazienti su cui si focalizza lo studio.

L'esempio principe è quello della prima paziente reclutata al Monzino: la donna due mesi fa ha avuto un grave infarto e nonostante la corretta assunzione della terapia in questo lasso di tempo ha sempre riportato valodi di colesterolo troppo alti rispetto a quelli indicati.

Il farmaco sperimentale

Sarà il nuovo farmaco Inclirisan ad essere somministrato ai pazienti volontari, ritenuto una delle innovazioni più importanti in ambito di prevenzione cardiovascolare nel nuovo millennio.  Inclirisan sarebbe un farmaco di precisione che viene iniettato sottocute e che va direttamente a un bersaglio specifico senza altri target in diversi punti dell'organismo. Per questo motivo sarebbe ben tollerato e provocherebbe effetti collaterali meno gravi rispetto alle statine ad alte dosi.

A Milano si tenta ance questa via: lo studio al Monzino

In una nota del Monzino è stato spiegato che:

"Lo studio Victorion-2p è randomizzato in doppio cieco, Inclisiran vs Placebo, e prevede la somministrazione due volte l’anno con un follow up variabile tra 3-6 anni, in cui il paziente viene rivisto periodicamente in ambulatorio per controllare il suo stato di salute e registrare eventuali eventi per verificare le differenze nei due bracci. Al momento in Italia, oltre al Monzino, sono attivi o in corso di attivazione altri 5 centri, ma il numero è in continua evoluzione".

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter