Attualità
per non dimenticare

Strage di Capaci, esposta davanti a Palazzo Reale di Milano la teca con i resti dell'auto della scorta di Falcone

La quarto Savona quindici sarà esposta fino a martedì 22 marzo 2022 proprio accanto al Duomo di Milano.

Strage di Capaci, esposta davanti a Palazzo Reale di Milano la teca con i resti dell'auto della scorta di Falcone
Attualità Milano, 18 Marzo 2022 ore 09:34

Nella giornata di ieri, 17 marzo 2022, a pochi giorni dalla Giornata nazionale delle vittime di mafia (che ogni anno si celebra il 21 marzo), proprio nel cuore di Milano di fronte a Palazzo Reale è stata inaugurata la teca che custodisce i resti dell'auto su cui viaggiava la scorta di Giovanni Falcone quel 23 maggio 1992, che sarà esposta fino a martedì 22 marzo 2022.

A Milano esposta la teca con i resti dell'auto della strage di Capaci

All'inaugurazione della Quarto Savona Quindici sono intervenuti Beppe Sala, sindaco di Milano; Giuseppe Petronzi, questore di Milano; Pierpaolo Farina, presidente e direttore di WikiMafia e Tina Montinaro, vedova di Antonio, capo-scorta di Giovanni.

Pierpaolo Farina ha spiegato nei giorni scorsi la storia dell'arrivo di questa preziosa teca del ricordo a Milano:

"Ho iniziato a lavorare all'arrivo a Milano della teca il 22 maggio 2019, quando la vidi per la prima volta a Palermo, di fianco al Comune... "Qualcuno vi ha chiesto di portarla a Milano?", chiesi a Giovanni Montinaro. Mi rispose di no. E da quel giorno ho lavorato per cercare di capire come fare, con chi farlo etc.
Doveva arrivare a marzo 2020, ma è arrivato prima il covid... poi a marzo 2021, ma c'era la terza ondata... finalmente da domani fino a martedì 22 marzo migliaia di persone potranno vederla.
Grazie a Luca Gibillini, e a tutto il Comune di Milano, senza il quale non saremmo riusciti in questa piccola, emozionante, impresa."

Presente anche l'assessore regionale De Corato

L'assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato, ha partecipato all'inaugurazione dell'esposizione della teca che custodisce i resti dell'auto su cui viaggiava la scorta di Giovanni Falcone, di fronte a Palazzo Reale a Milano.

"È stato un momento toccante - ha commentato De Corato - e carico di emozioni. Occorre ricordare le vittime delle mafie, per non dimenticare e perché quanto accaduto in quella tremenda stagione non si ripeta più. Quell'auto trasportava tre uomini in divisa che hanno perso la vita nel tentativo di proteggere chi ha dedicato la propria esistenza alla lotta alla mafia. Il mio auspicio - ha concluso - è che il loro sacrificio funga sempre da esempio per le nuove generazioni".

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter