Attualità
proposti 8 punti su cui lavorare

"Secondo i candidati a sindaco la Mafia a Milano non esiste"

La denuncia è stata lanciata da WikiMafia, libera enciclopedia sulle mafie.

"Secondo i candidati a sindaco la Mafia a Milano non esiste"
Attualità Milano, 17 Settembre 2021 ore 12:02

"La Mafia a Milano non esiste": no, non è una citazione diretta di qualcuno degli aspiranti sindaco di Milano, ma un pensiero dedotto leggendo i loro programmi elettorali. E a lanciare la pesante denuncia, con l'invito a porre attenzione a questo importante e quotidiano tema, è WikiMafia, la prima enciclopedia italiana sulle mafie che proprio nella città meneghina ha affondato le sue radici (che stringono nel profondo i semi gettati da Falcone, Borsellino e tutti coloro che nei decenni hanno combattuto per una società libera da corruzione).

Cos'è Wikimafia

WikiMafia è un'associazione che ha lo scopo di raccogliere e diffondere tutto ciò che c'è da sapere sulla criminalità organizzata di stampo mafioso in Italia e all'estero. Nata proprio a Milano nel 2013 WikiMafia è cresciuta negli anni, strutturandosi e accogliendo sempre più attivisti pronti a combattere le mafie con la conoscenza di esse.

Il territorio di Milano Wikimafia lo conosce bene: la maggior parte dei membri sono infatti studenti dell’Università degli Studi di Milano, dal cui corso in Sociologia della Criminalità Organizzata (nato dal Professor Nando Dalla Chiesa) sono nati e cresciuti i fondatori dell’Enciclopedia. Da inizio 2019 il gruppo si è infatti trasformato nel "Coordinamento Antimafia della Statale – WikiMafia".

Da un paio d'anni l'associazione fa inoltre parte di "Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie", con cui spesso organizza eventi, conferenze e raccolte fondi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da WikiMafia (@wikimafia)

La denuncia di Wikimafia "Per i candidati a Milano la mafia non esiste"

A leggere i programmi elettorali dei candidati sembra che a Milano la mafia non esista. Eppure la storia (anche la più recente) racconta un'altra versione dei fatti, e a rispolverare la nostra memoria ci pensa WikiMafia:

"Milano è da almeno gli anni ’80 una metropoli di mafia, crocevia di interessi criminali, a partire dal traffico di droga, nonché culla di nuove generazioni di uomini della ‘ndrangheta, la più potente organizzazione mafiosa al mondo. Basti pensare che l’Ortomercato, nonostante trent’anni di operazioni antimafia, resta stabilmente in mano a poteri extra-legali, come denuncia non solo la dott.ssa Alessandra Dolci, a capo della DDA milanese, ma anche la paradossale vicenda dell’ex-ispettore di Sogemi Iose Dioli.

Visto il gran lavoro svolto negli ultimi dieci anni, a partire dalla giunta Pisapia, ci saremmo aspettati che il dibattito politico si concentrasse anche sulle tante cose da fare, soprattutto a livello di città metropolitana, per evitare un’avanzata nell’economia milanese dei capitali mafiosi, visto il fiume di denaro in arrivo sia col PNRR sia con le Olimpiadi Milano-Cortina 2026.

Tuttavia, così non è. Manca meno di un mese alle elezioni e, tranne alcuni casi di singoli candidati consigliere e liste, nei programmi per le Comunali le parole mafia e criminalità organizzata sono assenti. "

Call to action per Milano capitale antimafia

Proprio per questo motivo WikiMafia ha lanciato una call to action per candidare Milano a capitale antimafia che per il momento sta riscuotendo un discreto successo tra i candidati sindaci e i consiglieri, anche tra i 9 Municipi della città.

Per sopperire alle mancanze politiche Wikipedia ha quindi ufficialmente e pubblicamente richiesto ai candidati di ogni parte politica- perché non c'è bandiera che regga in questi casi - di impegnarsi sul tema della lotta alla mafia e alla corruzione, sottoscrivendo i seguenti 8 punti (clicca qui per approfondire ciascuno di essi) relativi a:

  1. Capitali trasparenti;
  2. Prevenire il reciclaggio;
  3. Olimpiadi e PNRR senza mafia;
  4.  Chi finanzia il candidato?;
  5. Racket e Usura;
  6. In tribunale contro la mafia;
  7. Commissione e Comitato Antimafia;
  8.  Valorizzare i beni confiscati;

Una sola adesione tra i candidati sindaco

Per il momento tra i candidati sindaco l’unica adesione pervenuta è quella di Gabriele Antonio Mariani, sostenuto dalle liste Milano in Comune e CivicAmbientalista.

Sono invece 28 i candidati consigliere comunale che si sono impegnati nella lotta alla mafia, e 11 i candidati a consigliere municipio aderenti.

CLICCANDO QUI è possibile consultare l'elenco aggiornato dei candidati che hanno aderito.

WikiMafia non si ferma: a Milano la mafia c'è e va combattuta!

Instancabile è la parola corretta per descrivere la dedizione con cui gli attivisti di WikiMafia monitorano il fenomeno mafioso e si adoperano per combatterlo diffondendo in maniera semplice e puntuale tutti gli aggiornamenti che lo riguardano.

E su Milano non c'è da scherzare, né da arretrare di un millimetro: a Milano la Mafia c'è, si vede e lavora spesso sotto gli occhi socchiusi di una città che ha tutte gli strumenti per combatterla.

Basterebbe partire da otto semplici punti.

Giordana Liliana Monti