nuove regole

Movida selvaggia, scatta il divieto di alcol d'asporto in via Melzo e via Lecco dopo la mezzanotte

In zona Porta Venezia ci sarà un divieto per l'asporto di alcol dopo la mezzanotte alle 6 da inizio settembre.

Attualità Milano, 02 Agosto 2021 ore 15:30

"C'è una zona che riteniamo in questo momento più critica di altre che è quella intorno a via Melzo e via Lecco su cui invece agiremo anche sull'asporto". Lo ha detto il sindaco Giuseppe Sala a margine della conferenza stampa sul protocollo sulla movida in Prefettura, come riportato da Mia News.

Il commento di Sala

"In particolare lì ci sarà un tema di divieto per l'asporto totalmente dopo la mezzanotte alle 6 da inizio settembre", ha precisato Sala, aggiungendo che mentre in "corso Garibaldi" i divieti nascono "da una ingiunzione che abbiamo avuto, in via Melzo e via Lecco abbiamo più lamentele dei cittadini che noi capiamo anche. Io l'ho detto più volte, mi sono espresso a favore di una riapertura dei luoghi del divertimento controllata dal green pass. Però è chiaro che avendo le discoteche chiuse, i ragazzi per strada stanno. Io sono convinto che si può provare a riaprire ovviamente con regole molto precise. Se hai il green pass entri".

Firmato un accordo in Prefettura

A Milano l'obiettivo è quello di far concenti tutti: cittadini, esercenti, residenti, commercianti, affinché ci si possa divertire e lavorare in sicurezza. Per questo arriva un protocollo per regolare la movida costituito dalle associazioni dei pubblici esercizi, dal Comune di Milano, dall'Agenzia di tutela della salute e dall'università Bicocca. Tutti si sono seduti al tavolo convocato dalla Prefettura dove hanno stabilito diverse misure da introdurre nelle prossime settimane.

Tra queste, oltre allo stop dell'alcol da asporto in via Melzo e via Lecco (in zona porta Venezia) che entrerà in vigore dal mese prossimo dalla mezzanotte, ci sono anche iniziative di formazione tra gli esercenti e "il popolo della notte".

Stanziati 200mila euro per una movida più sicura

Palazzo Marino ha stanziato 200mila euro come incentivo che serviranno anche ad assumere addetti alla sicurezza. E' un inizio, azioni che si aggiungono a quelle delle forze dell'ordine operative nelle zone che nel fine settimana diventano calde e critiche.

Il Protocollo è aperto a tutti e gli enti che lo desiderano possono chiedere di aderire.