Attualità
L'anniversario

MOSTRE MILANO | Medici senza frontiere, 50 anni di storia raccontati da oltre 100 fotografie Magnum

Una storia partita nel 1971. Nelle 102 fotografie esposte a parlare sono le immagini: dolore, sofferenza, speranza tra guerre e catastrofi.

MOSTRE MILANO | Medici senza frontiere, 50 anni di storia raccontati da oltre 100 fotografie Magnum
Attualità Milano, 28 Febbraio 2022 ore 17:28

Oltre 100 "scatti" fino al 6 marzo, alla Fabbrica del Vapore, per celebrare i 50 anni di Medici senza frontiere.

Mezzo secolo di "coraggio", altruismo, passione e professionalità raccontati attraverso l'operato della organizzazione non governativa e delle fotografie dell'agenzia giornalistica Magnum.

Medici senza frontiere, 50 anni di storia attraverso 102 fotografie d'autore

Dai rifugiati siriani alle povertà del terzo mondo, passando per i conflitti nel mondo, un tema quest'ultimo quanto mai attuale pensando a quando sta accadendo in Ucraina dopo l'invasione dell'esercito russo.

Basti pensare alla guerra in Libano, in Iraq, in Bosnia, in Vietnam e Cambogia.

Storie di medici, di umanità, di sofferenze, di sacrifici verso la salvezza. In ogni parte del mondo, tutte con un denominatore comune: l'attività instancabile di Medici senza frontiere e gli scatti dell'agenzia Magnum.

Medici senza frontiere, una storia partita nel 1971

Per la ong si tratta di una storia partita nel 1971, anno della fondazione e raccontata fino ai giorni grazie ai 102 scatti fatti da 18 fotografi.

Il titolo significativo della rassegna fotografico è "Guardare oltre. MSF & Magnum: 50 anni sul campo, tra azione e testimonianza".

Un titolo emblematico: guardare oltre i pregiudizi, guardare oltre ciò che è più vicino, in una visione prospettica. Guardare oltre, pensando a un futuro migliore.

Il tutto raccontato attraverso la forza delle immagini e del loro eloquente messaggio. Tra le immagini più forti e più emblematiche anche quelle di due fotografi italiani: Paolo Pellegrin e Lorenzo Meloni.

Il racconto attraverso le foto "italiane"

Dagli scatti di Pellegrin scatti si rivive la guerra civile nel Darfur e la fuga verso il Ciad, i viaggi della speranza dei profughi nel Mediterraneo, il terremoto di Haiti, mentre attraverso le foto di Meloni viene rivissuta la tragedie dei bambini e delle donne in fuga nel 1917 dallo stato islamico dell'Iraq.

La mostra è aperta fino al 6 marzo, tutti i giorni, dalle 10 alle 19, con ingresso libero tramite prenotazione.

CLICCA QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter