Attualità
c'è ancora da lavorare

M4, 15 mesi di ritardo per il completamento dell'intera linea

Le prime due tratte, da Linate a Dateo, apriranno secondo i piani attuali per l'autunno 2022 "auspicabilmente entro il 30 settembre".

M4, 15 mesi di ritardo per il completamento dell'intera linea
Attualità Milano, 15 Marzo 2022 ore 17:28

Le prime due tratte della M4, da Linate a Dateo, apriranno, secondo i piani attuali per l'autunno 2022, "auspicabilmente entro il 30 settembre".

In ritardo la costruzione della M4

Come riporta da MiaNews, il ritardo è stato confermato dal presidente della società M4, Alessandro Lamberti, nel corso della commissione consiliare congiunta Enti Partecipati e Mobilità. La prima tratta della nuova linea metropolitana (da Linate a Forlanini) è pronta dallo scorso 15 luglio, quando ha ottenuto il nulla osta di esercizio, ma l’apertura era stata posticipata a causa della contrazione del traffico aereo sull’aeroporto di Linate dovuto al Covid.

“Attualmente lo stato di completamento della seconda tratta è all’83%. In tempi brevi è nostra intenzione completare i lavori per poi chiedere le necessarie autorizzazioni e il 30 settembre far sì che ci sia l'apertura delle prime due tratte", ha spiegato Lamberti.

La consegna dell’intera linea, invece, è in ritardo di 15 mesi rispetto al cronoprogramma.

“Non c’è però un nuovo cronoprogramma, la società ha fatto una stima dei ritardi accumulati. È una stima non ancora condivisa formalmente con il Comune di Milano”, ha spiegato Lamberti. “Tre mesi di ritardi si sono accumulati a causa della pandemia nel 2020, tra il fermo lavori e il rallentamento per le norme di sicurezza. Mentre l’ulteriore ritardo è dovuto agli scavi archeologici, ovvero il ritrovamento delle mura medievali nella stazione De Amicis. Sulle singole tratte rispetto all’atto integrativo 2019, c’è un ritardo di 3 mesi, mentre sull’intera linea sono stimati in 15 mesi. L’ultima apertura è dunque prevista tra settembre-ottobre 2024”, ha specificato l’amministratore delegato di M4 Renato Aliberti, mentre nel 2019 l’atto integrativo aveva riequilibrato i tempi della costruzione da 88mesi a 103 mesi.

Entro aprile 2023 aperto il tratto fino a San Babila

Entro aprile 2023 sarà aperta la tratta fino alla stazione di San Babila, che in circa 11 minuti permetterà il collegamento con Linate. Mentre il completamento di tutta la linea, da Linate a San Cristoforo, è previsto per l’autunno 2024. Facendo il dettaglio dello stato dei lavori, Aliberti ha tra le altre cose riferito che "la posa dei binari è all'80% di avanzamento" e che "a febbraio è stato trasferito il primo treno dal deposito di San Cristoforo fino all'aeroporto di Linate". "Il movimento è stato fatto in parte tramite trazione elettrica, in parte con locomotore diesel, ma è stata una prova importante - ha detto - perché vuol dire che l'intera linea, dal deposito di San Cristoforo fino a Linate è fruibile oggi già con il passaggio dei treni".

In arrivo un nuovo bando

Il presidente Lamberti infine ha fatto sapere che “le fermate saranno posti piacevoli. Partirà un bando, dal nome Arte 4, con la concessione di alcuni spazi delle fermate della metro per opere d’arte e contributi che gli artisti vorranno dare”.

I comitati dei cittadini residenti nelle zone adiacenti al cantiere, nel corso della commissione, hanno invece sollevato il problema della viabilità di viale Argonne, ridotto a una corsia per i lavori di superficie.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter