Attualità
la commemorazione

Lea Garofalo vive nel ricordo di chi la commemora: domani fiaccolata in viale Montello

Sono passati 12 anni dalla scomparsa di Lea Garofalo, testimone di giustizia, uccisa dal suo ex compagno e dalla ‘ndrangheta.

Lea Garofalo vive nel ricordo di chi la commemora: domani fiaccolata in viale Montello
Attualità Milano, 23 Novembre 2021 ore 17:22

Mercoledì 24 novembre 2021 fiaccolata e commemorazione al giardino di viale Montello di Milano con l'assessora comunale Romani per ricordare la vita (e la sua tragica e barbara morte per mano 'Ndranghetista) di Lea Garofalo.

Lea Garofalo vive nel ricordo di chi la commemora

Domani, mercoledì 24 novembre 2021, ricorre il dodicesimo anniversario della scomparsa di Lea Garofalo, testimone di giustizia, uccisa dal suo ex compagno e dalla ‘ndrangheta dopo che aveva scelto di allontanarsi dalla famiglia e collaborare con i magistrati.

Come ogni anno, a partire dalla tragica notte del 24 novembre 2009, quando la donna fu sequestrata e poi uccisa, il coordinamento milanese di Libera, insieme al Comune di Milano e al Presidio di Libera “Lea Garofalo”, promuove un momento di commemorazione.

“Quella di Lea Garofalo – dichiara l’assessora ai Servizi Civici e Generali Gaia Romani, che porterà il suo saluto in rappresentanza dell’Amministrazione comunale al Giardino di viale Montello – è una storia di coraggio e ribellione. Di una donna e di una madre che, per amore della libertà e di sua figlia Denise, sfidò la ‘ndrangheta e le regole di omertà che regolano quella cultura. E Milano, la città che Lea scelse fuggendo dalla Calabria, ha il dovere di ricordare chi è stata vittima due volte: della mafia e della violenza contro le donne. A distanza di dodici anni, la sua eredità continua a essere un monito per le istituzioni e un esempio per tante donne che trovano la forza di ribellarsi e liberarsi dall’oppressione mafiosa. Dodici anni dopo il suo sorriso è più vivo che mai, in quello di sua figlia Denise, a cui va il nostro affetto, e soprattutto nel nostro impegno contro ogni forma di crimine organizzato e a difesa della legalità”.

Il programma della commemorazione

Il programma di quest’anno, promosso da Libera con il patrocinio del Comune di Milano, prevede un momento di memoria con una fiaccolata che partirà dall’Arco della Pace e si concluderà in viale Montello, nel Giardino antistante alla casa dove Lea ha vissuto, uno spazio un tempo degradato e oggi recuperato alla vita sociale e intitolato alla sua Memoria.

Il programma nel dettaglio:

- alle ore 19:00, ritrovo all’Arco della Pace. Interverranno Lucilla Andreucci, referente del Coordinamento di Libera Milano, e i volontari e le volontarie del Presidio Universitario “Vittime della strage di via Palestro”;

- alle ore 19:30, partenza della fiaccolata;

- alle ore 19:50 circa, momento di memoria al Cimitero Monumentale a cura dei volontari e le volontarie del Presidio “Lea Garofalo”;

- alle ore 20:20 circa, al Giardino Comunitario “Lea Garofalo” interverranno la Dott.ssa Alessandra Cerreti, sostituto procuratore presso la DDA di Milano, l’assessora Gaia Romani, i giovani del presidio di Libera e dell’associazione “Non una di meno”.

Il messaggio del presidio dedicato a Lea Garofalo di Libera Milano

Nella descrizione dell'evento indetto per domani 24 novembre il presidio milanese di Libera dedicato proprio a Lea Garofalo rammenta l'importanza del ricordo.

"Nel 2020 avevamo ricordato Lea insieme ai presidi di Libera dedicati a lei in tutta Italia, online, in un ricordo che ci teneva vicini attorno a una fiamma accesa nelle nostre case.
Quest'anno torniamo in presenza, a riempire le strade che anche lei ha calpestato per ricordarla insieme, con le fiaccole accese e vive come il suo ricordo.
Ci vediamo il 24 novembre alle ore 19.00 all'arco della pace da dove partirà una fiaccolata che toccherà alcuni luoghi simbolici per la storia di Lea.
L'evento si concluderà al Giardino Comunitario di Lea Garofalo, in via Montello, dove si terranno alcuni brevi interventi.
La manifestazione si terrà anche in caso di pioggia."