Attualità
disagi in ospedale

Accettazione in tilt e ritardi nelle visite: mattinata d'inferno al San Raffaele

Pare che, a causa di un problema tecnico, centinaia di persone abbiano dovuto attendere ore prima di essere chiamati per l'accettazione.

Accettazione in tilt e ritardi nelle visite: mattinata d'inferno al San Raffaele
Attualità Milano, 29 Novembre 2021 ore 15:15

Nel corso della mattinata di oggi, lunedì 29 novembre 2021, al San Raffaele a causa - anche - di un problema tecnico l'attività di accettazione dell'ospedale ha subito notevoli e ulteriori ritardi rispetto al suo quotidiano svolgimento, causando a cascata dilazione nei tempi delle prestazioni sanitarie, delle visite e dei controlli.

Accettazione in tilt e ritardi nelle visite

Chi è un habitué degli ospedali e si avvale del servizio sanitario nazionale sa che, prima di recarsi ad una visita, è sempre necessario armarsi di tanta pazienza. Al San Raffaele, dove i lavori in corso sono ultimamente una costante e alle sale di accettazione piace cambiare come fossero le scale di Harry Potter, bisogna recarsi con un buon lasso di tempo d'anticipo per essere puntuali all'appuntamento fissato.
Questa mattina però a causa di "problemi tecnici" del servizio di accettazione dell'ospedale, davanti agli sportelli di prenotazione della Galleria delle Botteghe in Via Olgettina si sono ammassate centina di persone che, in barba ad ogni possibile distanziamento e tetto massimo di presenti in un unico luogo chiuso, hanno atteso per ore di essere chiamati.

Ore di attesa per l'accettazione

A causa di problemi tecnici non meglio identificati la voce metallica degli avvisi nella sala dell'accettazione centrale ha più volte rammentato ai presenti che era necessario attendere più del previsto per essere chiamati. Dei 32 sportelli presenti meno della metà (15 per la precisione) era operativa mentre gli altri 17 erano chiusi: due addetti all'entrata (probabilmente gli stessi che fino a poco tempo fa avevano una sala al piano superiore dove assegnavano a chi arrivava il numero di chiamata) erano indaffarati a seguire tutte le persone che con un flusso costante arrivavano in sala nella speranza di poterci uscire il prima possibile, chiedevano informazioni, si lamentavano dei ritardi e pretendevano di passare avanti agli altri.

Centinaia di pazienti e accompagnatori si sono così trovati per ore ad attendere in una sala dove non potevano neppure sedersi a causa della metà delle sedute negate causa Covid, ritardando visite fissate da mesi e perdendo tempo essenziale.

Come ovviare al problema?

Oltre ad avvisare del ritardo, ai microfoni della sala d'attesa si rendeva noto agli utenti che avrebbero potuto (e potranno in futuro) prenotare online l'accettazione.

A ben vedere, infatti, sul sito del San Raffale è pubblicizzato un servizio prezioso ma molto poco conosciuto: quello che permette agli utenti di saltare la coda in accettazione, risparmiando tempo e tranquillità, facendo accettazione ed eventuali pagamenti online.

Se avete prenotato una prestazione privata si può eseguire il pagamento della stessa tramite la sezione “paga ora” della piattaforma online di gruppo al seguente link. Basterà indicare la struttura ed il numero di prenotazione riportato sul promemoria. In questo caso è necessario procedere ad una registrazione al primo utilizzo di questa piattaforma.

Eseguito il pagamento on-line si ha diritto all'accesso diretto allo sportello senza prendere nessun numero.

Per tutti i pazienti (SSN e solventi) è possibile evitare la coda agli sportelli di prenotazione della Galleria delle Botteghe dell'Ospedale San Raffaele in Via Olgettina e agli sportelli di accettazione di tutte le sedi di Ospedale San Raffaele ricevendo comodamente a casa il numero di chiamata per il giorno e l’ora che preferisci. Per prendere il numero è sufficiente cliccare qui.

Anche per fare gli esami di laboratorio senza prenotazione è possibile ricevere a casa il numero di chiamata all’esame scegliendo il giorno e l’ora in cui desideri recarti in ospedale. Per prendere il numero è sufficiente cliccare qui.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter